04.07.2015 Donne, Topless e Bikini - Il blog di Jesolo, il blog di Claudio Vianello che ti documenta senza ipocrisie. Ti tiene quotidianamente aggiornato sulla vita politica e non di Jesolo, con commenti, approfondimenti, opinioni sui fatti di attualità in Jesolo e qualche altra notizia" Il Diario di Jesolo - Il Blog " di Jesolo

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

04.07.2015 Donne, Topless e Bikini

2016 > 2015 > Non voglio mica la Luna - 2015

DONNE, TOPLESS E BIKINI. MA DOVE VIVIAMO!


Alcuni migranti-illegali a passeggio per la spiaggia di Jesolo tra i bagnanti,  in questi giorni e il Sindaco Valerio Zoggia

di Claudio Vianello Venti15©
della serie" Non voglio mica la Luna"




Ci risiamo con il buonismo ipocrita tutto italiano

Jesolo 4 Luglio 2015
Lavoro con i paesi arabi dal 1982.Ho frequentato, sempre per lavoro, quasi tutti i Paesi della penisola Araba, dal Kuwait della guerra del 1990, al Bahrain, passando per il Qatar, per gli Emirati Arabi Uniti e la Giordania e per molti anni l’Arabia Saudita. Quest’ultima forse la più integralista e religiosa più che mai. Nel suo territorio annovera due città sante per la religione dell’Islam: la Mecca e Medina.
Provate voi di un’altra religione (eccetto il musulmano), buonisti ipocriti Italiani ad andarci! Questi sono territori sacri all’Islam e soprattutto per noi cristiani, off limits, non si entra, sono esclusivamente territori per l’Islam e basta.
Qui da noi molto spesso, le nostre chiese vengono occupate da quei migranti in attesa di regolarizzazione o illegali, per poi essere merce di baratto e di giaciglio. Non parliamo poi di quei cristiani, che quotidianamente vengono massacrati nei modi più barbari nei territori dell’Africa e che sono oggetto di devastazione da parte degli uomini neri incappucciati del "Pseudo Califfato dell’IS .
Ma questo non è il problema per Jesolo…
Mi ricordo che nei miei frequenti viaggi in Arabia Saudita di qualche anno fa, c’era una cosa che mi incuteva fastidio e un po’ di paura visitandoli: si respira un’aria diversa rispetto alla nostra. Io però, portavo rispetto verso quel Paese che mi ospitava ed era oggetto di visita per lavoro.
Nei paesi arabi, cinque sono le volte che il musulmano deve pregare ogni giorno.
Negli orari di preghiera, il tempo si ferma solo per invocare Allah, tutto il resto viene temporaneamente sospeso, una volta finita la preghiera tutto torna normale o quasi tutto.
Ma se ti trovi in giro per lavoro cosa fai? Niente! Quando c’è la preghiera nessuno può girare per la strada e tutte le attività vengono chiuse e guai se sei musulmano e non preghi.
Inoltre un vero musulmano non beve e non mangia maiale e si deve attenere al Corano, poi vengono in Italia e li vedi sulla passeggiata a Jesolo, zona Piazza Mazzini che spacciano e si ubriacano…
Questo è solo un esempio di come si vive nei paesi integralisti. Le donne non possono guidare, devono avere il chador, e devono essere sempre accompagnate. Guai a girare, per un’europea, senza il velo. Chiaramente sto parlando dell’Arabia Saudita o di un altro Paese fedele alla religione dell’Islam
Ecco qua… Questa volta trovo completamente di buon senso le dichiarazioni rese dal Sindaco di Jesolo Valerio Zoggia, era ora che qualcuno avesse il coraggio di dirle apertamente in pubblico e non come il solito ipocrita, far finta di niente, fin tanto che non viene direttamente coinvolto.
Domenica scorsa come di consueto mi stavo allenando e passando davanti al territorio della CRI di Jesolo, notai delle persone con pelle chiara che prendevano il sole sui lettini all’interno della proprietà recintata della CRI, area perimetrata con una recinzione, nella stessa area alloggiano anche quei migranti inviateci dal Ministero dell’Interno romano.
Vedendo una donna sdraiata su di uno sdraio che prendeva il sole di spalle senza il reggiseno, ho fatto né più e né meno la stessa riflessione che il Sindaco di Jesolo ha fatto a microfoni aperti: ma che sia e/o che possa essere pericoloso esporsi in quella maniera davanti a questi disperati che ci manda Roma? (Roma li chiama migranti che scappano dalla guerra, ma ho qualche dubbio che tutti scappino dalla guerra. Forse in Italia si può fare quello che nel loro Paese non possono fare.
Certamente sì! Mi son risposto, anzi come sostenuto dal Sindaco di Jesolo, durante la trasmissione Agorà ha sostenuto che i migranti potrebbero essere
"un pericolo per le donne in bikini: arrivando da Paesi con culture diverse ed essendo abituati a vedere solamente donne con il velo anche al mare, infatti, la visione di una donna in bikini o topless potrebbe scatenare in loro strane reazioni"… per l’Islam sono eretiche le donne che prendono il sole in topless?
Sono convinto che queste parole siano vere e non buttate là, giusto per far audience. Perché questi signori continuano a girare senza nessun regola tra gli ombrelloni della nostra spiaggia? Credo che inviare qualche centinaio di persone in una spiaggia come la nostra o in un’altra zona turistica balneare, dove per la gente comune prendere il sole in bikini o in topless è normale e non vietato, sia pericoloso!
Perché i compagni comunisti di turno questa volta non sono stati obiettivi con il Sindaco Zoggia? Per un momento mi sono dimenticato che viviamo in un Paese, l’Italia, dove il condannato di sinistra può essere candidato a occupare una poltrona politica, se viceversa fosse stato di destra no!  Perché non si evita che queste persone di fede mussulmana passeggino indisturbate tra gli ombrelloni questa estate… forse sarebbe una cosa saggia, tra l’altro sono o non sono ancora illegali e privi di qualsiasi regola?
Così come detto dal Sindaco di Jesolo, questi signori arrivano da altri Paesi e con una cultura completamente opposta alla libertà della donna nel mondo occidentale.  Perché secondo i benpensanti italiani, ribadisco, queste persone sono illegali sotto tutti i punti di vista, non potrebbero essere un pericolo, se girando liberi tra gli ombrelloni si imbattessero in seni liberi da catene, oppure coperti da un semplice bikini?
Ecco questa volta mi voglio complimentare con il Valerio primo cittadino di Jesolo, perché le dichiarazioni fatte hanno un senso.
Piuttosto, le dichiarazioni dei compagni referenti del due percento virgola zero periodico e dello zero periodico, fatte attraverso i quotidiani locali, hanno ben poco da condividere con la realtà, ben altra cosa. Bene farebbero a portarsi a casa qualche disperato che poco ha a che fare con la fuga da paesi in guerra.
Vadano tranquillamente a sostenere le loro tesi tra la gente nei bar di Jesolo, e forse capirebbero che sono loro i populisti del momento, ma sempre di quel zero sotto zero.
Bravo al Sindaco di Jesolo, una volta tanto che prende una posizione chiara.



17 Giugno 2015
Il" Nuovo Hotel Croce Rossa " frontemare di Jesolo Lido
Da 35 €uro al giorno




 
Torna ai contenuti | Torna al menu