13.10.2015 - Jesolo. La scuola Giosuè Carducci verrà demolita e al suo posto l'ennesimo condominio - Il blog di Jesolo, il blog di Claudio Vianello che ti documenta senza ipocrisie. Ti tiene quotidianamente aggiornato sulla vita politica e non di Jesolo, con commenti, approfondimenti, opinioni sui fatti di attualità in Jesolo e qualche altra notizia" Il Diario di Jesolo - Il Blog " di Jesolo

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

13.10.2015 - Jesolo. La scuola Giosuè Carducci verrà demolita e al suo posto l'ennesimo condominio

Rubrica a TuttoTondo > Venti15 Tutto Tondo > Roba da matti 2015

La Nostra storia e non la vostra


Giosuè Carducci - Il momento della ginnastica all'aria aperta


Jesolo 134 Ottobre 2015
di Claudio Vianello Venti15©

della serie " Roba da matti"


L’ho scritto e riscritto in queste mie pagine, però mi va di ritornarci a parlare della " scuola elementare  Giosuè Carducci" perché è la storia, di Jesolo Lido.
Il significato della parola storia: storia come   racconto   e storia come   insieme di fatti. Se poi andiamo alla ricerca dell’etimologia e dell'origine del termine   storia , questa  è greca, infatti il corrispondente latino  historia  deriva a sua volta dal greco  ἱ
στορία (istoría)   che significa   ricerca.
Detto tutto ciò, credo di poter affermare che tutta la nostra generazione, ovvero la maggior parte dei nonni odierni di Jesolo, è passato attraverso i muri di questa scuola, la Giosuè Carducci.
Credo che la storia deve essere rispettata dai politici, ma probabilmente è utopia. La storia di Jesolo Lido e la Carducci corrono parallele....

Purtroppo è passata una classe politica che prevedeva per la crescita della città, in base al nuovo PRG redatto dall’architetto Kenzo Tange, alla fine degli anni 2000 (amministrazione Martin Renato), una colata di calcestruzzo e cemento un po’ dappertutto a Jesolo Lido.

Infatti la finalità del Masterplan, prevedeva la demolizione di tutte le vecchie strutture alberghiere fronte mare per ricavarne di nuove che toccassero il cielo,  in una parola: grattacieli fronte mare, poi,  dopo lo stop della sovrintendenza di Venezia e l’ordinanza di fermo dei cantieri, firmata dall’allora sindaco Francesco Calzavara, per fortuna ci aggiungo io, quei politici stoppati "capirono" che non avrebbero potuto edificare oltre gli otto piani di altezza fronte mare, entro i 300 metri dalla spiaggia, perché zona tutelata dalla legge Galasso e soggetta a vincoli paesaggistici.
Una cosa è certa, anche questa è storia, però la nostra è diversa, è la storia di tutti noi Jesolani del Lido.
Con l’entusiasmo della bolla speculativa molti politici jesolani, in questi ultimi 20 anni, si erano messi in testa di edificare ovunque, purchè questo servisse ad aumentare la residenza stabile in città, ma, a causa della loro pochezza politica e della mancanza di lungimiranza si resero ben presto conto, forse, della fine della bolla speculativa… Non era proprio tutto oro quello che luccicava.
Venendo alla storia di questi giorni.
Purtroppo Jesolo rimane sempre in disparte quando si vuole parlare del bello della cultura e l’handicap di questa lacuna è paradossale, non se ne rendono conto, ammaliati e ammalati dal Dio Denaro... Ma il politico non dovrebbe dare le linee politiche e non come accade a Jesolo, cadere nelle mani degli speculatori che del territorio non gliene può fregar di meno.
Le altre città turistico-balneari danno al turista anche il piacere, se così lo vogliamo chiamare, di visitare qualche bella mostra d’arte. A Jesolo non si può o meglio il politico preferisce il cemento a qualche bella mostra che educhi ed alimenti la mente e lo spirito.
Ed eccolo l’edificio che avrebbe potuto benissimo completare l’offerta cittadina
ed avere un futuro sicuro, trovandosi in pieno centro.
La scuola Giosuè Carducci, poteva divenire qualcosa di importante ed invece la febbre del" maton" ha colpito anche l’ultimo dei Mohicani, pardon l’ultimo Sindaco di Jesolo, Valerio Zoggia e tutta il sua entourage…E anche questa operazione, speriamo non diventi come tutte le cosiddette "grandi opere" di megalomania sviluppatesi a Jesolo e crollate come un castello di sabbia, l’ultima in ordine di tempo "Jesolo Magica", chissà quale sarà il suo destino?  Questa volta è la città intera a perdere: al posto della Carducci sorgerà un altro condominio, perché quelli che ci sono non bastano, e di un po’ di sana speculazione edilizia Jesolo ne aveva proprio bisogno.
Si dice che in cambio, la ditta che ha vinto la gara di acquisto del terreno Carducci, costruirà una struttura che ospiterà il museo… Sìììììì! "IN MESO AI CAMPI".
Credo di poter dire che molte persone inutili in politica a Jesolo, cadranno nell’oblio, o forse saranno ricordate per i danni che avranno fatto in città e alla città, ovvero a tutti noi abitanti di questa splendida località della provincia di Venezia.
Una cosa è già certa: di questa amministrazione comunale, ci si ricorderà solo per il male che ha fatto sul territorio…

Correlati
28-7-2012 Lettera al Vice Sindaco Roberto Rugolotto

11.08.2012 - Manifesto a tutela della Giosuè Carducci

26.02.2014 – Quando a Jesolo c’era la cultura per l’arte

3.5.2014 Dedicato alla mia mamma e alle sue amiche

5.12.2014 – Quando un’amministrazione comunale, si prostituisce e vende per far mera cassa

9.12.2014 Il requiem alla politica di Jesolo

21.12.2014 – Le mostre  alla scuola Giosuè Carducci

5.1.2015 – Il folle di Dio, di Giovanni Comisso








14 Ottobre 2015 - Jesolo
La scuola elementare Giosuè Carducci
Correva l'anno 1961-62





 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu