14.05.2015 Caposile ed il ponte a pagamento - Il blog di Jesolo, il blog di Claudio Vianello che ti documenta senza ipocrisie. Ti tiene quotidianamente aggiornato sulla vita politica e non di Jesolo, con commenti, approfondimenti, opinioni sui fatti di attualità in Jesolo e qualche altra notizia" Il Diario di Jesolo - Il Blog " di Jesolo

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

14.05.2015 Caposile ed il ponte a pagamento

Rubrica a TuttoTondo > Venti15 Tutto Tondo > Geni & Geni 2015

Benvenuti nel Medioevo - Il ponte di Caposile a pagamento

Le tariffe per un ponte di barche, del comune di Musile di Piave


Jesolo 14 Maggio 2014
di Claudio Vianello Venti15©

Provo a fare un’analisi politica dell’argomento che affronterò tra poco e cioè la viabilità che porta a Jesolo. Per sintetizzare il tutto bastano due parole: uno schifo. Perché dico ciò? Bisognerebbe capire cosa la politica, in termini di denaro, si prende da Jesolo e cosa Jesolo prende dalla politica, o forse sarebbe meglio dire, cosa si prende dai cittadini che vengono al mare. Credo di poter dire che Jesolo applica come moltissimi altri comuni italiani, delle gabelle e perché no, dei dazi come nel medioevo. Allora c’erano i feudi, i feudatari e così via, alla fine arrivavano i servi della gleba, vincolati alla terra e alla volontà del padrone, poi si rivoltarono contro ….
Facciamo un passo alla volta, una capriola all’indietro e arriviamo alle bellissime strade che portano a Jesolo. Invidia del terzo mondo, infatti li mandano a trascorrere le vacanze da noi.
Diciamo che le strade di cinquant’anni fa sono sempre le stesse, non son cambiate, me le ricordo quando andavo a Venezia al liceo in pullman, negli anni 70, oggi hanno qualche rattoppo in più e nient’altro. La classe politica che si è avvicendata alle cadreghe in questi anni, non ha risolto un bel niente, diciamo che ci hanno provato creando alla viabilità altri problemi. Il primo tappo per chi entra ed esce da Jesolo si chiama rotatoria "Grazie" in località Santa Maria di Piave, incrocio o rotatoria tra Via Francescata e via Adriatico, frazione di Jesolo.
Poi una volta arrivati a Jesolo ci si imbatte nella Nuova Rotatoria Picchi, inaugurata qualche anno fa dalla provincia e dal Comune di Jesolo in pompa magna. Allora la politica pensava? Poco! Loro pensano di aver trovato la panacea sulla viabilità ed infatti il risultato è esattamente il contrario. Qualcuno si ricorda la segnaletica stradale, per mesi creò un sacco di polemiche e problemi, sempre ai soliti noti: gli automobilisti, la politica non c’azzecca mai, con i soldi nostri, quelli pubblici: tanto!
Certamente dovrebbero risolvere una volta per tutte questa benedetta viabilità ed invece, niente sono ciechi, sordi e…forse muti!! Muti no! Perché escono sempre, quando cercano il voto e allora via, sono uno più bravo dell’altro. Ci sono tutti questa volta, chi per un posto da consigliere regionale e chi per un posto nella costruenda città metropolitana… allora mi chiedo: che ci sia ancora qualcuno che crede a queste persone o che si faccia abbindolare un’altra volta?
Ma veniamo al dunque. Il povero automobilista che viene a Jesolo è "Cornuto e mazziato", le strade che portano a Jesolo sono sotto l’egida dei vari comuni e se la prendono sempre con loro, con i soliti automobilisti attraverso gli autovelox, i tele laser e l’ultima invenzione i Vistared di Jesolo, 4 secondi per andare in cerca dell’ultimo regalo proposta dall’amministrazione comunale di Jesolo. Vuoi tentare la fortuna e venire a Jesolo, hai solo 4 secondi per passare il ponte sul Cavetta con il giallo, ergo fermati!! Non tentar di passare. Ma i sindaci e i vari responsabili della viabilità la chiamano prevenzione, ci aggiungo semplice modo per far cassa a senso unico. Sempre gli stessi.
Poi una mattina di Marzo di quest’anno per chi arriva da San Donà, il comune di Jesolo si pensa di aprire un cantiere dal 14 Ottobre 2014 al 30 Giugno 2015, e cosa fa, chiude la strada di Ca’ Pirami dal 2 di Marzo ai primi di Maggio per il rifacimento del ponticello, circa 7 metri di ponte e un cantiere aperto per ben 259 giorni, in altri paesi in 259 giorni costruiscono dei grattacieli, noi a Jesolo un ponticello… mah? Italia, no Jesolo! E i politici locali cosa fanno? Continuano a cercar posti al sole e poltrone
Per chi invece, arriva da Mestre e/o da Treviso attraverso la Treviso mare a Caposile ci sarebbe un’alternativa: via Drago, strada che costeggia la laguna dalla parte opposta del fiume Sile, e cosa ti fa il Sindaco di Musile di Piave, il leghista Gianluca Forcolin? C’è un ponticello di barche e fino al 2008 non si pagava per il suo attraversamento, da allora invece, la musica è cambiata e nei giorni estivi si inventa di applicare alle autovetture che volessero transitare per una strada alternativa alla provinciale,(durante i fine settimana sempre un'agonia), l’ennesima gabella, cinquanta centesimi di pedaggio, dal 2011 settanta centesimi fino al  2014 e da quest'anno et voilà, vista la crisi 1€uro di dazio. Tombola, rien va plus.
Una domanda vorrei porre ai palazzi di gomma? Ma i Sindaci sono gli esecutori del federalismo e delle nuove gabelle e dazi vari? Secondo il mio modesto parere i sindaci dovrebbero risolvere e fornire servizi ai cittadini.
Domenica u.s. mi son trovato imbottigliato sulla via Drago, non dovevo andare a Mestre e tanto meno passare la"frontiera", cioè il ponte di barche, dovevo solamente farmi  una passeggiata in laguna .
Diciamo che anche via Drago era un biscione per la coda di autovetture. Dovevi pagare "2 FIORINI" o meglio un euro per passare il ponte. Dovevi pagare il "dazio". Vedendo tutte quelle autovetture ferme in attesa di pagare mi è venuto in mente uno splendido film e precisamente una scena, la scena con Troisi e Benigni su di un carro trainato da bestiame nel Film" Non ci resta che piangere" ecco non c’è niente di meglio del titolo di questo film del 1984, con i due grandi attori.
Da allora non è cambiato nulla in Italia e tanto meno nelle varie amministrazioni locali……. Se fai qualcosa devi sempre e solamente pagare perché loro poi, con i nostri soldi ci forniranno dei servizi. Che cosa????
Essere o non essere questo è il problema, oggi a pochi giorni dalle votazioni sarebbe da dire Votarli o non votarli, questo è il problema in Italia. Sono sempre loro…, sempre gli stessi: che sia la volta buona che ce li togliamo di torno, finalmente???

In provincia di Venezia ci sono altri due ponti a pagamento, la differenza e che gli altri due sono privati....tutta la storia la prossima settimana
La storia è sempre la stessa: i bgabellati sono sempre gli automobilisti e i politici ?.....

 
Torna ai contenuti | Torna al menu