21.02.2014 Chi difende le Categorie in Italia " Ex Parlamentari " - Il blog di Jesolo, il blog di Claudio Vianello che ti documenta senza ipocrisie. Ti tiene quotidianamente aggiornato sulla vita politica e non di Jesolo, con commenti, approfondimenti, opinioni sui fatti di attualità in Jesolo e qualche altra notizia" Il Diario di Jesolo - Il Blog " di Jesolo

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

21.02.2014 Chi difende le Categorie in Italia " Ex Parlamentari "

Rubrica a TuttoTondo > Venti14 TuttoTondo

QUANTI MASTRAPASQUA CI SONO IN ITALIA?

" Carlo Sangalli " Attuale Presidente della ConfCommercio - Ex Parlamentare daL 1968 AL 1994 ( DC )

Jesolo 21 Febbraio 2014


A " TuttoTondo "

Di lui non me ne ero accorto, so per esperienza che all’interno delle associazioni di categoria girano, da sempre, riciclati di ogni tipo: politici che ormai hanno fatto la loro epoca e quindi viene data loro la possibilità di avere sempre e comunque qualcosa nelle mani all'interno del sistema " Italia"…
Ma l’altro giorno durante la Manifestazione a Roma da parte del popolo delle "partite Iva", artigiani e commercianti ( Il mondo che produce )
che aderiscono a Rete Imprese Italia, durante un intervento ed esattamente quello del Presidente della Confcommercio Carlo o Carletto Sangalli, sono scattato in piedi dalla sedia, ero in pausa pranzo. Cos’era accaduto da farmi sussultare?  Nel suo intervento passato alla televisione non mi è sfuggito questo passaggio. Durante la sua "omelia" ha detto: Dobbiamo  abbassare di un punto l'Irpef e abolire l'Irap. Come ? Mi son chiesto: ma se l’IRAP è un balzello esistente solo in Italia ( Imposta Regionale sulle attività produttive)… e che sarebbe dovuta scomparire fin dal governo Berlusconi ?
Che la richiesta fosse ridicola per uno che produce e fa impresa da 40 anni, sia quella di chiedere l’abbassamento di un punto di IRPEF
, mi ha letteralmente raggelato, ecco perché le associazioni non fanno gli interessi della classe produttiva italiana, sono come i sindacati incassano e poi transano per licenziare,  con l’azienda in barba a quel poveraccio che rimane senza lavoro… Eccetto un sindacato, quello della FIOM, Landini tanto per capirci, lui comunque è contro e contro tutti... E intanto le aziende, 372 mila l’anno scorso, continuano a chiudere… chiaramente lasciando a casa centinaia di migliaia di padri e madri di famiglia.
Secondo il mio modesto parere, il Presidente della ConfCommercio avrebbe dovuto e dovrebbe chiedere ad alta voce la riduzione delle imposte di una ventina di punti percentuale e forse l’esenzione per tutte quelle micro aziende fino a 5 dipendenti:
una percentuale pari al 30% di tasse e basta, balzelli e una tantum vari, ogni giorno ce n’è una. Ecco che probabilmente qualcosa si smuoverebbe sul mercato economico commerciale Italiano, ed invece l’anno scorso sono state 372mila le aziende che hanno chiuso i battenti per sempre. A fornire i dati è il presidente di turno di Rete Imprese Italia, Marco Venturi.
A questo punto mi sono posto una domanda
, ma questo personaggio che chiede la riduzione al governo dell’1 per cento di IRPEF, vuoi vedere che ha fatto il politico? E allora mi sono messo alla tastiera del computer e apriti cielo:
Carlo Sangalli, Carriera Politica: Nel 1968 viene eletto per la prima volta deputato nelle liste della Democrazia Cristina ed è stato più volte confermato rimanendo alla Camera fino al 1994. È stato Sottosegratario di Stato al Turismo e Spettacolo con il Governo Andreotti  III (31 luglio  - 11 marzo 1978) e Questore della Camera dei Deputati dal 9 luglio 1987 al 22 aprile 1992.  Legislature V, VI, VII, VII, IX e X (http://storia.camera.it/deputato/carlo-sangalli-19370831)... Wow ho esclamato: 26 anni da deputato e allora riceve anche una pensione? Sono andato a vedere nel mio elenco ed ho scoperto che percepisce la bellezza di 9947,00 Euro esentasse di pensione, al mese s’intende!

Dal sito della Confcommercio (http://www.confcommercio.it/presidente
):

Carluccio Sa Carlo Sangalli è nato a Porlezza (Como) ed è laureato in giurisprudenza.

Nel 1973 entra a far parte del Consiglio Direttivo dell'Unione del Commercio, del Turismo dei Servizi e delle Professioni della Provincia di Milano.
Ha ricoperto la carica di Parlamentare dal 1968 al 1992.
Dal 1995 è Presidente dell'Unione del Commercio del Turismo, dei Servizi e delle Professioni della Provincia di Milano e dal 1996 di Confcommercio Imprese per l'Italia Lombardia.
Dall'agosto 1997 è Presidente della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Milano.
Dall'aprile 1998 è Vice Presidente della Fondazione Cariplo.
Dal luglio 2000 al giugno 2006 è stato Presidente dell'Unione Italiana delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura.
Dal 12 agosto 2004 al dicembre 2009 è stato Vice Presidente di Fiera Milano S.p.A.
Il 10 febbraio 2006 ha assunto la Presidenza di Confcommercio-Imprese per l'Italia e alla scadenza il 4 marzo 2010 è stato rieletto, per acclamazione, fino al 2015.
Dal gennaio 2010 è Vice Presidente di Fondazione Ente Autonomo Fiera Internazionale di Milano.
Da gennaio a giugno 2013 è stato Presidente di turno di Rete Imprese Italia, l'Associazione unitaria delle cinque principali organizzazioni di rappresentanza delle piccole e medie imprese e dell'impresa diffusa (Casartigiani, Cna, Confartigianato Imprese, Confcommercio-Imprese per l'Italia e Confesercenti), incarico già ricoperto dal maggio al dicembre 2010.
Da www.lanotiziagiornale.it:
http://www.lanotiziagiornale.it/carlo-sangalli-linamovibile-che-colleziona-poltrone-dalla-fondazione-cariplo-alla-fiera-internazionale-e-al-gruppo-mondadori-il-presidente-della-camera-di-commercio-di-milano-somma-incarichi-su-i/

leggi tutto l’articolo.
Omissis:
I mille incarichi
Ma Sangalli è ancora altrove: lo troviamo, infatti, in almeno altre 3 poltrone di tutto rispetto. La quarta è quella della Vicepresidenza della Fondazione Cariplo, braccio filantropico della storica Cassa di Risparmio delle Province Lombarde (da cui si separa nel 98): un colosso da 6.2 miliardi di Euro di patrimonio e che detiene il 4.67% del capitale di Intesa San Paolo. Nel solo periodo 2006-2012 la Fondazione ha erogato contributi per oltre 1 miliardo di euro, la metà circa di quanto erogato dalla sua nascita). Una "potenza di fuoco" straordinaria, che vede Sangalli in vice-presidenza dal 1998. A quota numero 5 arriviamo con la vice-presidenza della "Fondazione Ente Autonomo Fiera Internazionale di Milano", che dal 2010 detiene tutti gli asset fieristici e congressuali del Gruppo Fiera Milano (spazi espositivi delle fiere milanesi, alberghi e sedi congressuali). Tra i soci di Arexpo S.p.A. (proprietaria delle aree di Expo 2015), retta oggi dal vice presidente vicario Vittorio Bellotti (cui si affiancano nel comitato esecutivo il vice presidente Sangalli e altri 6 componenti). Un’altra "corazzata", che nel 2011 ha chiuso con un patrimonio netto di 615 milioni di Euro. Infine la sesta delle poltrone di Carlo Sangalli, non meno importante, quella di consigliere esecutivo e indipendente del Gruppo Mondadori (dove siede nel centralissimo "comitato remunerazione e nomine").

Tutto qua, svelato l’inghippo del perché uno chiede la riduzione dell’1% al governo, mi sembra molto chiaro… a voi la risposta ed intanto guardatevi le pensioni degli ex parlamentari.

Claudio Vianello




 
Torna ai contenuti | Torna al menu