25.11.2015 - A questo punto, mettiamo il guinzaglio ai bambini e vietiamo loro di correre - Il blog di Jesolo, il blog di Claudio Vianello che ti documenta senza ipocrisie. Ti tiene quotidianamente aggiornato sulla vita politica e non di Jesolo, con commenti, approfondimenti, opinioni sui fatti di attualità in Jesolo e qualche altra notizia" Il Diario di Jesolo - Il Blog " di Jesolo

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

25.11.2015 - A questo punto, mettiamo il guinzaglio ai bambini e vietiamo loro di correre

Rubrica a TuttoTondo > Venti14 TuttoTondo > della serie, va tutto bene


La legge della Regione Veneto n. 17 del 19 giugno 2014, fissa per i proprietari di particolari cani obblighi aggiuntivi: da un lato quello di stipulare una polizza di assicurazione di responsabilità civile per danni contro terzi causati dal proprio cane e, dall’altro, quello di applicare sempre sia il guinzaglio che la museruola al cane quando si trova in aree urbane e nei luoghi aperti al pubblico.


Il posto dov'è accaduto il fattaccio a Jesolo

di Claudio Vianello Venti15©
25 Novembre 2015
della serie " Non voglio mica la luna"



A questo punto, mettiamo il guinzaglio ai bambini e vietiamo loro di correre !!


Vi vorrei raccontare un fatto di cui sono stato testimone ieri, sull’arenile in Pineta a Jesolo, all’altezza della torretta 27.
Erano le quattro del pomeriggio e stavo fotografando in spiaggia, la spiaggia era particolarmente lunga e divisa da secche, alle quali si poteva arrivare con lunghe camminate, era una delle tante giornate con dei colori entusiasmanti ed un tramonto spettacolare.
Me ne stavo tranquillamente fotografando, quando mi si è avvicinato un bambinetto che avrà avuto all’incirca otto anni, il quale curioso, mi ha chiesto cosa stessi facendo.  Gli ho risposto che stavo fotografando.
Così, soddisfatto della risposta si è rimesso a correre lungo la battigia, per tornare dai suoi genitori che si trovavano poco distante con un altro bambino su una carrozzina da passeggio.
Ad certo momento ho distolto la mia attenzione dal piccolino, quando, improvvisamente, ho sentito il bambino che gridava e così, allarmato dalle urla, non ho fatto nemmeno in tempo a girarmi che mi è arrivato incontro correndo in mezzo all’acqua gridando. Ho impiegato un attimo per capire cosa stesse accadendo, vista l’ombra di un cane che lo inseguiva e da cui stava scappando, venendomi incontro, urlando.
Come l’ho visto correre, gli ho gridato di fermarsi, visto che c’ero io, ma ormai era terrorizzato e bagnato fradicio dalla punta dei piedi fino alla testa. Per l’esattezza il cane che lo inseguiva era un pit bull senza guinzaglio e tantomeno museruola.
Così, mi sono messo davanti al bambino, il pit bull si è fermato un momento e poi evitandomi, ha ripreso a correre per un’altra strada. Di lì a poco è arrivato il proprietario del "cagnolino" che, come se nulla fosse successo, probabilmente non si era nemmeno accorto di quello che era appena accaduto, se ne è andato.
Così ho cercato di rassicurare il piccolino che piangendo, mi diceva di aver paura dei cani. Dopo averlo tranquillizzato, (almeno spero) ho provato a controllare se vedevo il padrone del cane, per capire il perché il pit bull fosse libero e senza guinzaglio, ma ormai era sparito all’orizzonte.
Nel frattempo si sono avvicinati i genitori del bambino, che mi hanno chiesto se avevo fotografato la scena e volevano sapere dove fosse andato a finire il cane con il suo padrone…
Chiaramente ho risposto loro che, in quegli attimi, avevo pensato al bimbo e certamente non al cane, e che comunque, il bambino aveva bisogno di essere cambiato viste le condizioni in cui si trovava…
Oggi, ripensando alla scena, mi sorge un dubbio: che siano i bambini che devono essere tenuti al guinzaglio dai loro genitori, così facendo eviterebbero di cacciarsi nei guai?
Ma forse questa è un’altra storia, una storia che mi dà da pensare……


Un cane Pit Bull


 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu