Jesolo 18 Luglio 2014 - Le buone intenzioni del Master Plan, di Kenzo Tange - Il blog di Jesolo, il blog di Claudio Vianello che ti documenta senza ipocrisie. Ti tiene quotidianamente aggiornato sulla vita politica e non di Jesolo, con commenti, approfondimenti, opinioni sui fatti di attualità in Jesolo e qualche altra notizia" Il Diario di Jesolo - Il Blog " di Jesolo

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Jesolo 18 Luglio 2014 - Le buone intenzioni del Master Plan, di Kenzo Tange

Amministrazione Comunale > Opere sul Territorio

Le buone intenzioni del Master Plan, di Kenzo Tange

La zona di Jesolo dove sarebbe dovuto sorgere il Central Park


di Claudio Vianello Venti15©
Jesolo 18 Luglio 2015

Pane al pane e vino al vino


Io onestamente, per la nostra Città, Jesolo, ho sempre avuto un’idea precisa:  non avrebbe mai dovuto perdere la sua identità e doveva rimanere una città a misura d’uomo. Le costruzioni che grattano il cielo? lasciamogliele agli altri.
Apro una parentesi, riportando alcune frasi della premessa sottoscritta dall’allora Sindaco Renato Martin nella presentazione del Master Plan di Jesolo in data 10 Ottobre 1997.
" È stata la grande scommessa di questa amministrazione Comunale. Di Master Plan, Prg e strumenti urbanistici alternativi, se n’era sentito parlare per anni. Ma nessuno aveva pensato di dare contenuto alle parole. Nessuno, insomma, aveva pensato ad agire con decisione ma anche con coraggio, al fine di dotare Jesolo di nuovi ed indispensabili strumenti di rilancio……. Omissis
Il risultato è che nessuno oggi può negare che mai era stata fatta una proposta globale per il rilancio della nostra Città. Per valutare il Master Plan, credo siano necessari due passaggi. Il primo: cerchiamo di guardare a questa proposta per quanto di buono può contenere per i suoi cittadini, per quanto potrà cambiare in meglio la nostra Città…..Omissis.
Ecco. Questi sono  i passaggi, credo, importanti della premessa datata 1997 del Master Plan di Renato Martin.Responsabili di tutto:  tutti quei consiglieri comunali che allora votarono il PRG ( Piano Regolatore Generale), se non mi sbaglio, furono 6 su 20.
Oggi, a distanza di quasi vent’anni dalla sua presentazione, quello che è successo alla città di Jesolo è sotto gli occhi di tutti.
Alcuni edifici costruiti a macchia di leopardo che si perdono nel territorio, questi edifici non hanno nulla a che vedere con la città. Da quel lontano 1997, a Jesolo, sono rimaste solo le buone intenzioni descritte nella premessa e stampate sulla carta. Una cosa sola di tutto quello descritto ha avuto successo, una crescita assurda e una città data in pasto agli speculatori.
Oggi, il territorio di Jesolo si presenta con  migliaia di case invendute, un depauperamento globale del territorio e  per i prossimi decenni,  
senza  prospettiva. In questi vent’anni l'aumento dei residenti è stato  pari alle zero periodico.
Questa ahimè, è la fotografia della realtà odierna di Jesolo.
Una cosa certa salta  subito agli occhi guardando  la scheda del Master Plan di allora e qui sotto riportata  con la realtà odierna. Nessun hotel in vent'anni  ha toccato il cielo, così come aveva previsto Kenzo Tange, (e per fortuna, dico io) ed il Central Park, una mera utopia che rimarrà sulla carta.
Eccole le immagini di oggi 18 Luglio 2015


L'utopia della città di Jesolo dal Master Plan 1997

 
Torna ai contenuti | Torna al menu