Le alleanze del 24-25 febbraio 2013 - Il blog di Jesolo, il blog di Claudio Vianello che ti documenta senza ipocrisie. Ti tiene quotidianamente aggiornato sulla vita politica e non di Jesolo, con commenti, approfondimenti, opinioni sui fatti di attualità in Jesolo e qualche altra notizia" Il Diario di Jesolo - Il Blog " di Jesolo

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Le alleanze del 24-25 febbraio 2013

Rubrica a TuttoTondo > Venti13 TuttoTondo

Il punto di Claudio a "TuttoTondo"
Jesolo Lido 19 Gennaio Venti13

QUANDO SI PROMETTE ILCAMBIAMENTO E POI CI SI ACCORGE CHE SONO ANCORA GLI STESSI A CANDIDARSI: TUTTI INDISTINTAMENTE !
Qualche settimana fa, durante il periodo delle Primarie del PD con il Sindaco di Firenze Matteo Renzi in prima linea, c' erano tutti i Partiti politici a promettere il cambiamento, con facce nuove.
E adesso a poche settimane dal voto, eccoli li, tutti in trincea per non mollare il posto, ed i partiti pur di non creare sussulti, pronti a fare comunella.
Elezioni politiche 2013: tutte le alleanze e gli schieramenti

Le elezioni politiche 2013 sono oramai al rush finale, si avvicina la data del 24 e 25 febbraio ed i partiti hanno stretto importanti alleanze e accordi  sugli schieramenti proprio in questi giorni in vista delle votazioni.
La politica, dopo l’esperienza e parentesi annuale del Governo tecnico presieduto da Mario Monti, tornerà nuovamente in mano ai politici consegnando ai cittadini il potere di eleggere i propri rappresentanti in Parlamento. Sono giorni frenetici e importanti anche perché il countdown verso la XVII legislatura è appena cominciato e ci sono scadenze importanti da rispettare per queste elezioni anticipate.
Gli schieramenti in campo sono i seguenti
: sinistra, centrosinistra, centro e centrodestra.
A questi quattro si aggiungono altri due partiti-movimenti  che corrono per le elezioni 2013 ,  il Movimento 5 Stelle e il movimento Fermare il declino.
Lo schieramento di sinistra
- Guidato dal magistrato e giornalista pubblicista palermitano Antonio Ingroia che lo scorso 29 dicembre ha ufficializzato la sua candidatura a premier con la sua lista Rivoluzione Civile, ed ha subito ottenuto il parere favorevole di partiti politici e del movimento arancione di Luigi De Magistris. La candidatura del magistrato antimafia, inoltre è sostenuta dall’Italia dei Valori di Antonio Di Pietro, dai Verdi di Angelo Bonelli, dal Partito della Rifondazione Comunista di Paolo Ferrero e dal Partito dei Comunisti Italiani di Oliviero Diliberto.
Il candidato premier del centrosinistra -
E' stato scelto poco tempo fa mediante le primarie ed è l’attuale segretario nazionale del Partito Democratico Pierluigi Bersani. Lo schieramento è composto dal PD come forza primaria e poi anche da Sinistra ecologia libertà di Nichi Vendola e da Centro Democratico, opera di Massimo Donadi, che è un fuoriuscito dall’Italia dei Valori, e Bruno Tabacci.
Il candidato premier dello schieramento di centro -
E' il presidente del Consiglio dimissionario Mario Monti, che dopo giorni e giorni ditentennamenti il Professore ha sciolto la riserva a seguito di un forte pressing dei poteri forti Chiesa, Europa ed parte degli  Industriali, in soldoni: del Vaticano, delle cancellerie europee, dall’associazione Italia Futura di Luca Cordero di Montezemolo e di alcuni partiti tradizionali. La sua candidatura è sostenuta oltre che dalla sua lista Scelta Civica anche dall’Udc di Pierferdinando Casini e da Futuro e Libertà di Gianfranco Fini. La lista al Senato sarà unica e non avrà la scritta Scelta Civica, ma solo quella Con Monti per l’Italia. Discorso diverso per la Camera dei Deputati dove le liste saranno tre e in coalizione fra loro.
Il candidato premier del centro-destra -
Dopo tanti tira e molla di Silvio Berlusconi,che per adesso ha rinunciato alla sua ricandidatura a premier. Il Berlusconi ha firmato l’accordo con la Lega Nord. Ora però rimane in campagna elettorale il nodo relativo al candidato premier, e ci sarà qualcuno che mostrerà i muscoli ! Per adesso il Cavaliere preme per il segretario politico del Popolo della Libertà Angelino Alfano, mentre, Roberto Maroni vuole l’ex ministro dell’Economia Giulio Tremonti. Lo schieramento di centrodestra è attualmente composto dal PdL, Lega Nord, Fratelli d’Italia e con molta probabilità anche La Destra.
Il Movimento Cinque Stelle
di Beppe Grillo correrà da solo alle elezioni politiche.
Il leader del M5S ha prima rifiutato l’assist  dall’Italia dei Valori di Antonio Di Pietro e poi quello di Antonio Ingroia. I candidati al Parlamento italiano sono stati selezionati dai cittadini mediante lo strumento della Rete. Dopo gli strepitosi successi elettorali raggiunti alle elezioni amministrative, per il M5S si tratta del debutto assoluto alle politiche dove i candidati sono per lo più giovani, donne e laureati.
Correrà da solo anche Fare per Fermare il declino
del giornalista torinese Oscar Giannino.
Il movimento Fermare il declino è nato la scorsa estate ed è di ispirazione liberale e il programma elettorale del candidato premier Oscar Giannino verte su dieci punti programmatici ispirati al rinnovamento della classe politica e al risanamento economico attraverso la riduzione simultanea di tasse e spesa pubblica per uscire dal tunnel dell’attuale e drammatica crisi economico-finanziaria.
Questa dovrebbe essere oggi,la situazione delle coalizioni  della tornata elettorale del 24 e 25 Febbraio per la XVII Legislatura.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu