Lettera al Vice-Sindaco 28.07.2012 - Il blog di Jesolo, il blog di Claudio Vianello che ti documenta senza ipocrisie. Ti tiene quotidianamente aggiornato sulla vita politica e non di Jesolo, con commenti, approfondimenti, opinioni sui fatti di attualità in Jesolo e qualche altra notizia" Il Diario di Jesolo - Il Blog " di Jesolo

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Lettera al Vice-Sindaco 28.07.2012

Lettere e Opinioni di Claudio > Le mie lettere ed opinioni 2012 > 3-2012
Jesolo Lido
I numeri del blog
 

Lettera al Vice-Sindaco


Jesolo 28.07.2012
Caro Roberto Rugolotto,
non più tardi di alcuni mesi fa, eravamo candidati nella stessa lista elettorale e correvamo insieme per portare al governo della Città di Jesolo, l’odierno Sindaco  Valerio Zoggia.
Premetto che, accettai la candidatura per correre con voi nella lista Jesolo 365 appoggiata solo dal PD, solo perché avevo un interesse importante per la Città di Jesolo, cercar di portare a casa nostra un po’  di Cultura e cercar di creare un Polo Museale d’arte moderna e contemporanea a Jesolo presso la “ Ex Scuola Elementare Giosuè Carducci”,  insomma,  un po’ di aria nuova per la nostra Splendida Città, cercando di interrompere quell’asse a senso unico: sole e mare, e basta!
Avrei voluto, insieme ad un gruppo politico diverso, diverso da chi aveva governato a mio modo di vedere in questi ultimi 20 anni a Jesolo, male,provare a dare a Jesolo un  gap in più.
Questo gap in Italia si chiama fondamentalmente “ arte”, e questa  correlata magari anche da uno splendido mare e tanto sole, sarebbe qualcosa di straordinario e nuovo per il turista che viene a Jesolo a passare le vacanze.
La mia idea è, e rimane quella  per la quale m’avevate dato pieno appoggio e per la quale avevo accettato di candidarmi per correre ad un posto di Consigliere Comunale con voi, poter creare dalla Ex Scuola Elementare Giosuè Carducci un manufatto straordinario,nuovo  e moderno, che potesse dare la possibilità al turista presente e non, di vedere  delle importanti manifestazioni artistiche in Jesolo, magari attraverso la collaborazione di importanti Musei Nazionali ed Internazionali e perché no, assieme anche alla Biennale d’Arte di Venezia ecc.
Oggi la struttura della Carducci è fatiscente e sono convinto che ci sia la possibilità di trovare dei fondi Regionali e/o Europei per costruire qualcosa finalmente di importante per una "Città Jesolo".
Sono qui a scriverti perché, sono venuto a conoscenza che l’amministrazione passata aveva sottoscritto un protocollo d’intesa per alienare il manufatto Carducci con tutto il terreno che lo circonda, dando per l’ennesima volta la possibilità al privato di speculare sulle nostre teste,  costruendo ancora case di cui Jesolo non ne ha più assolutamente bisogno.
Spero che questa sia e rimanga solo un’  idea malsana e devastante della precedente amministrazione bastonata alle scorse elezioni, bastonata anche per  quello che ha combinato con il calcestruzzo e con tutte quelle problematiche venutesi a creare sul nostro territorio.
C’è da dire per correttezza, che il privato in cambio poi, costruirebbe un manufatto in zona Jesolo ( non si sa dove ?) a costo zero per ospitare uno pseudo Museo.
Sono e rimango fermamente  dell’idea che un privato fa solo gli interessi personali da speculatore e non quelli comuni per l’interesse della città, non fa il  benefattore!
Un esempio oggigiorno sono le ultime piazze di Jesolo, date in cambio alla pubblica amministrazione dal privato, per avere  un premio in cubatura , queste sono oggi,  tutte disastrate.
Ribadisco che, non si deve assolutamente vendere un pezzo di Storia di Jesolo Lido e darlo in pasto a chi del mio territorio non gli interessa nulla, eccetto quello di specularci.
Se si sarà un Museo a Jesolo Lido, e  Jesolo ne ha assolutamente bisogno , questo dovrà rimanere in centro e non ghettizzarlo dove la gente troverà delle difficoltà per andarci, vedi le discoteche, il lunapark e tutto quello che è stato spostato dal centro, non funziona.
Una città come la nostra, deve dare al turista di più, oggi non ci si può permettere il lusso di svendere o vendere al privato un altro pezzo di storia che deve essere riproposto con idee nuove e moderne per una Jesolo moderna ed odierna.
Non vendete la Carducci per dare spazio ancora a case, Jesolo non ha più bisogno di case ma di un po’ di sacrosanta CULTURA; si.
Vianello Claudio ex candidato della lista “Jesolo 365”

 
Torna ai contenuti | Torna al menu