Lo stato Usuraio lettera 11.06.2012 - Il blog di Jesolo, il blog di Claudio Vianello che ti documenta senza ipocrisie. Ti tiene quotidianamente aggiornato sulla vita politica e non di Jesolo, con commenti, approfondimenti, opinioni sui fatti di attualità in Jesolo e qualche altra notizia" Il Diario di Jesolo - Il Blog " di Jesolo

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Lo stato Usuraio lettera 11.06.2012

Lettere e Opinioni di Claudio > Le mie lettere ed opinioni 2012 > 2-2012

Jesolo 11.06.2012.
Lo strano Caso.
Quando lo Stato partecipa passivamente, al suicidio di operai e imprenditori.
Prima di tutto bisogna fare una premessa, dal 1 Febbraio 2012 con il decreto “Salva Italia “ è stato posto il limite massimo di 1000 euro su qualsiasi pagamento fatto per contanti ed il pagamento deve essere tracciabile  e/o a mezzo Banca o con Carta di Credito,  e per quelli oltre i 3000 euro (3600 IVA Inclusa ) è fatto anche  l’obbligo della comunicazione all’Ufficio delle Entrate, chi acquista invece è obbligato a consegnare al Venditore, Codice Fiscale e documento d’identità per la comunicazione in via telematica all’Ufficio delle Entrate  dei dati del compratore “ Lo Spesometro” .

In questi tempi è già difficile lavorare per poter portare a casa la pagnotta se poi ti ci metti anche tu Stato  con le tasse, dopo i crediti, poi i debiti, le banche  e dulcis in fundo arriva l’Equitalia, mandante di questo strano paese chiamato “ITALIA” ,dove il politico, fa il politico  per se stesso, lo stato investe male, ed il cittadino paga il debito fatto da terzi, perché,tra tangenti, soldi ai partiti, opere pubbliche dove i costi non hanno un limite, interessi sul debito pubblico, sperperi e falle di ogni sorta hanno sperperato e stanno sperperando senza ragione  i Nostri sacrifici, ma dove sono i” buon padri di famiglia” che fanno attenzione alla spesa e tirano la cinghia specialmente quando hanno una famiglia e dei figli ?

Sono stato contattato ieri 11 giugno, da un imprenditore  Jesolano il quale mi ha raccontato la sua disavventura.
Questi  diversi  anni fa, ha avuto problemi con la propria attività commerciale in una città lombarda, l’attività che svolgeva per varie vicissitudini è andata male, lasciandosi alle spalle dei debiti con lo Stato-Equitalia e altri fornitori.
Lui non ha mai mollato e ha voluto ed avuto la voglia ed il coraggio di riprovare a mettersi in gioco; ultimamente invece  i nostri imprenditori ed operai aiutati dallo Stato-Padrone-Equitalia   si tolgono la vita, non più tardi l’ultimo l’altro giorno, era un ex rappresentante e si è ucciso lanciandosi nel fiume per una cartella esattoriale speditagli tanto per cambiare dall’ Equitalia di 117.000,00 euro.
Ora con il decreto Monti SalvaItalia, che avrebbero potuto chiamarLo benissimo AmmazzaItalia, stanno quotidianamente chiudendo decine e decine di microaziende e non,  queste non riescono più a sopportare il peso delle tasse e di tutti quei balzelli regionali, provinciali e comunali oramai arrivati a quota 60/61%.

Tornando a noi questo nostro concittadino ha voluto riprovare , visto che comunque si deve mangiare, altrimenti per mangiare devi rubare o comunque delinquere alle spalle della società.

Dico solo: ben vengano le persone che vogliono ripartire, la politica predica tanto il semplificare per aprire una attività ………  
Ahimè oggi in Italia, nel 2012 tutte le operazioni di pagamento devono transitare per banca, quindi il nostro ” ConCittadino” si rivolge ad una Banca del Litorale per aprire un conto corrente e poter così effettuare dei pagamenti come il Decreto Monti “ SalvaItalia” predispone.
Ebbene, alla domanda precisa fatta alla Banca, dovrei aprire un conto corrente per pagare i fornitori e F24 per i dipendenti ,  si sente rispondere che non c’è nessuna possibilità di aprire un conto corrente Bancario per chi ha delle pendenze con lo Stato.
E lui che vuole pagare come Decreto Monti impone, cosa farà, come farà?

La  Banca gli ha risposto che, non è un suo problema e che deve rivolgersi all’ Equitalia !!
Mi chiedo se questo imprenditore volesse pian pianino saldare il suo debito con lo Stato, cosa deve fare per lavorare o quanto meno per sopravvivere ……
In queste condizioni è la Banca o lo stato che intralcia la volontà?

Una considerazione personale sulla vicenda, ma non era la Mafia che uccideva chi non pagava il debito applicando tassi usurari ?

 
Torna ai contenuti | Torna al menu