THE WALL - IL MURO - Ospedale " Istituto Marino" di Jesolo Paint my Hospital 28-30 Giugno 2014 - Il blog di Jesolo, il blog di Claudio Vianello che ti documenta senza ipocrisie. Ti tiene quotidianamente aggiornato sulla vita politica e non di Jesolo, con commenti, approfondimenti, opinioni sui fatti di attualità in Jesolo e qualche altra notizia" Il Diario di Jesolo - Il Blog " di Jesolo

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

THE WALL - IL MURO - Ospedale " Istituto Marino" di Jesolo Paint my Hospital 28-30 Giugno 2014

Arte > Arte in Jesolo


Jesolo 3.7.2014

THE WALL - IL MURO
Ospedale " Istituto Marino" di Jesolo Paint my Hospital 28-30 Giugno 2014

Il gruppo di New York :Keith Haring, Jean-Michel Basquiat e il terzo Richard Hambleton

Alcune immagini di New York e un esempio di Street Art

di Claudio Vianello 2014©

Posso dire che tra i più importanti precursori dell’arte di strada, meglio identificati come " Writers " ci sia il gruppo di New York:  Keith Haring, Jean-Michel Basquiat e Richard Hambleton. I primi due, americani di nascita,  morti giovanissimi , il primo a soli 32 anni e il secondo a 28 anni. Il terzo invece, Hambleton è nato a  Vancouver  in   Canada  nel 1954 e oggi a 60 anni vive e continua a lavorare a New York… Tutti e tre sono stati i  pionieri dell’arte urbana nella New York dei primi anni ottanta, quando esplose il boom dell’arte visiva di strada. La loro arte apparve dapprima sui muri di New York, per finire poi, nelle più prestigiose e ambite gallerie d’arte, collezioni private e musei d’arte moderna nel mondo. Hambleton ha sempre chiamato la sua arte "Public Art".
Fatta questa premessa, giusto per capire che cosa sia la Street Art, ovvero  l’arte di strada, che per la gente comune ha un’ accezione assolutamente negativa, ed è invece un’espressione artistica, forse povera e più rivoluzionaria, ma comunque un’importante espressione artistica visiva e senza dubbio una manifestazione sociale e culturale ecc… ma senza correre troppo fermiamoci e rimaniamo a Jesolo, facendo un passo indietro.
Una delle cose più brutte e indecorose a Jesolo Lido, fino a qualche mese fa erano quei 126 metri lineari che costeggiano il muro dell’ospedale " Istituto Marino di Jesolo".  Questo muro negli ultimi decenni è servito unicamente per l’affissione selvaggia di tutto e di più, anche se, esisteva e vige tuttora, il divieto di affissione, è comunque stato sempre lurido.
Quest’anno, con l’arrivo del nuovo Direttore Generale della  Ulss 10, qualcosa deve essere cambiato. Ecco, che in data 12 Maggio, iniziano i lavori di restauro del muro e meraviglia delle meraviglie, in pochi giorni quel lungo tratto di strada cambia colore e diventa bianco… di un bianco pulito, quasi abbagliante… e… la città tutta se ne accorge.
Poi, quando tutto sembrava tranquillo e molti aspettavano di vedere la prima affissione selvaggia, ecco che, il 28  Giugno di buon  mattino, chi fosse passato per via Levantina all’altezza dell’ospedale avrebbe visto un grande movimento di giovani con tante scatole e lattine spray di colore…di tutti i colori… in poche parole un’esplosione di colori!!!
Oibò, la gente esclama e adesso cosa succede? In poco più di due ore il muro, che è come un foglio di carta sul quale l’artista abbozza, prima di passare alla tela, è tutto abbozzato, pieno di segni  e si comincia a capire, tra sbigottimento e sorpresa, che  qualcosa di eccezionale sta accadendo…
Si possono vedere anche dei volantini con scritto sempre in arte povera " Paint My Hospital". Eccoli: questi sono i ragazzi che, con una trattativa durata molte settimane con le Istituzioni locali, sono riusciti ad accaparrarsi quel muro. Bravi, ben fatto , la Ulss10 e il Comune di Jesolo hanno capito e con il motto " Paint My Hospital" hanno dato inizio ad "un’opera d’arte" che rimarrà, speriamo, per molto tempo su quel muro a Jesolo.  Probabilmente sono gli stessi, questi ragazzi, che escono nelle notti per dipingere i muri di qualche stabile abbandonato e dar sfogo a quella loro genialità di arte povera o meglio "Street Art", forse interpretata in modo sbagliato da chi non conosce il loro mondo, anche perché spesso si vedono certe  brutte imbrattature nelle città. Ma si sa, le loro logiche di strada, spesso sono delle denunce contro quel sistema che spesso li emargina nelle loro espressioni artistiche. Anche per questo, spesso, sono capri espiatori del sistema sociale, ed  ecco che si accendono  polemiche sull’imbrattamento dei muri delle nostre città.  Ma oggi questi ragazzi, che  chiamerò più semplicemente " Writers" (Graffitari ) diventano tutto in momento ordinati e cosa ci fanno su quel muro? Esattamente come nel cartone animato " siamo fatti così", i personaggi di Albert  Barillé, uno dopo l’altro e ora dopo ora quei 14 spazi, divisi tra  loro, cominciano a prendere forma e colore su quel muro statico da decenni.
Non  so se questi ragazzi diventeranno famosi, ma sicuramente in questi due giorni che poi son diventati quattro, perché il tredicesimo è stato finito ieri, 2 di luglio, chissà, forse è un segno, ma è certo che oggi quel muro bianco è diventato memoria, gioia colorata, voglia di vivere e continuare a vivere, insomma, un inno alla vita.
A questo progetto hanno partecipato nomi di spicco del Writing triveneto, tra i quali Joys, Capo e Cento Canesio, senza chiaramente nulla togliere agli altri, che reputo comunque alla pari: l’opera di ognuno ha formato un murales…un unicum…
Diciamo che la trattativa per dipingere "il muro - The Wall" dell’ospedale è durata mesi, tra Writers,  ass.ne  Treviso Comic Book Festival e i referenti della città di Jesolo, ma la loro caparbietà e voglia di vivere di denunciare ha vinto.
Purtroppo qualche giorno prima dell’inizio di questo "Murales"a Jesolo è accaduto quello che tutti noi Jesolani sappiamo bene, e che avremmo voluto che mai accadesse, un tragico incidente ha portato via Anna a soli 8 anni… ed  ecco che il gruppo di artisti,  senza suggerimenti esterni, con una scelta personale e decisa, partita proprio dal loro cuore ha voluto rendere vivo per sempre il suo ricordo: Ciao Anna……..
Non lo so se aver parlato di grandi artisti mondiali nel campo della Street Art possa essere fuorviante, ma quello che ne è uscito, lo reputo una splendida "opera d’arte", quei  personaggi presi in prestito al suo creatore, l’artista francese Albert Barillé, per dar luogo a qualcosa di bello, qualcosa per adesso unico a Jesolo.
Bravi ragazzi


Alcune immagini dell'opera in Via Levantina a Jesolo " The Wall presso l'Istituto Marino di Jesolo" Paint my Hospital 28-30 Giugno 2014
Tutte le immagini su Gallery www.claudiovianello.com ( clicca qui )


5 Luglio  2014
THE WALL - IL MURO
Ospedale " Istituto Marino" di Jesolo Paint my Hospital 28-30 Giugno 2014
" Dedicated - Ciao Anna "




 
Torna ai contenuti | Torna al menu