Zona Est e Zona Ovest non pronta 11.05.2013 - Il blog di Jesolo, il blog di Claudio Vianello che ti documenta senza ipocrisie. Ti tiene quotidianamente aggiornato sulla vita politica e non di Jesolo, con commenti, approfondimenti, opinioni sui fatti di attualità in Jesolo e qualche altra notizia" Il Diario di Jesolo - Il Blog " di Jesolo

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Zona Est e Zona Ovest non pronta 11.05.2013

Rubrica a TuttoTondo > Venti13 TuttoTondo


A " Tuttotondo" di Claudio Vianello

Jesolo 11 Maggio 2013

LA SPIAGGIA DI JESOLO, NELLA ZONA EST ED OVEST NON ANCORA PRONTA DOPO LE MAREGGIATE.


E se tentassimo di capire, senza andare in cerca del capro espiatorio di turno del perché di questo ritardo nella preparazione di ripristino della spiaggia di Jesolo, zona Est e zona Ovest.
C’è da dire una cosa, che durante tutto l’inverno di mareggiate se ne sono viste come non mai negli ultimi decenni, è anche vero che, dopo la mareggiata  del 30 di Ottobre 2012, tutti i consorzi si erano messi al lavoro per la pulizia ed  il ripristino della spiaggia distrutta dalla furiosa mareggiata della notte, come non si è mai visto.
La voglia di risistemare tutto, nel più breve tempo possibile era  tanta, ma, ahimè, dopo intense e diverse giornate per ripristinare  l’arenile e la passeggiata dalla prima rovinosa mareggiata, c’ha pensato  "  Deus Iuppiter et Neptunus " , durante la notte del 11 Novembre a vanificare tutti gli sforzi umani e finanziari fin li posti in essere dai consorzi dell’arenile Jesolano.
Un’altra questione poi ci sarebbe, capire il perché in questi ultimi anni le mareggiate devastano la spiaggia dell’est e dell’ovest di Jesolo.  Sono in moltissimi a Jesolo a sostenere che, da quando sono state tolte le dighe di roccia poste a qualche centinaio di metri dalla battigia e dove le onde durante le burrasche si andavano ad infrangere, da quel momento  il mare ha fatto solo disastri, portandosi via la sabbia , accorciando la spiaggia stessa , e cosa assai più cara in termini di denaro, dover sostenere delle spese enormi per il ripascimento.
Ora, fatte tutte queste considerazioni, l’unica cosa che si potrà fare adesso per il ripristino e la sistemazione della spiaggia: fare in fretta, solo così in questo modo e con l’arrivo dei primi turisti e dei domenicali, la polemica si quieterà sicuramente.
Per il momento per tutte quelle attività di frontemare che avevano già fatto il programma di apertura dei loro locali, in primis i consorzi, non resterà che aspettare e spostare di qualche giorno la propria apertura per la stagione estiva 2013.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu