05.05.2021 - Ciao Renato - Il Blog di Jesolo

IlBlogdiJesolo
©ClaudioVianello
Vai ai contenuti
  
Renato Giacchetto
Jesolo 05 maggio 2021
di ©Claudio Vianello

Ciao Renato
Parlare di Jesolo, della sua notte e del divertimento negli anni 70, non si può   non parlare di Renato Giacchetto.
4 maggio 2021, una roccia del divertimento jesolano, nel tardo pomeriggio di ieri ci ha lasciato. Classe 1948, Renato Giacchetto dopo una lunga malattia ha dovuto arrendersi, ha lottato fino alla fine ma in questi casi, è sempre la malattia ad aver ragione, purtroppo.
Era il 1970,  insieme al fratello Roberto e a Gianni Tamai crearono dalla vecchia villa Olga, una pensione ristorante, in via Mameli a Jesolo Lido, il nuovo divertimento per i giovani della notte, la discoteca "alla villa".
Noi vecchietti  degli anni cinquanta, ce la ricordiamo benissimo. notti insonni,  arrivarono pure i pomeriggi della domenica, tutti in discoteca prima con i lenti e poi con la musica soul. Erano gli anni dei Beatles, dei Rolling Stones. Nel 1975 arrivò il soul con la musica nera e via fino alla fine degli anni 2000.
Una vita dedicata a creare divertimento per i giovani in città ma anche battaglie per difendere la categoria, negli anni novanta contro l'idea che le discoteche erano responsabili delle stragi dei sabato sera,  lottò in Regione del Veneto, contro una legge , la legge così chiamata Bottin dal nome del relatore, che proponeva che  le discoteche dovessero chiudere tutte alle  due di notte. Legge che non passò.
Parlare oggi, di Renato Giacchetto non bastano poche righe, ma nemmeno un libro, molto di più...
Certamente verrà ricordato come colui che a Jesolo Lido  fece divertire per decenni i giovani in discoteca.
Un caro saluto, ciao Renato.
Created by ©Claudio Vianello 2021
Torna ai contenuti