contatore visite free

26.06.2020 - Distruggere un territorio turistico a suon di condomini - I documenti di Jesolo, Claudio Vianello che ti documenta senza ipocrisie. Ti tiene quotidianamente aggiornato sulla vita politica e non di Jesolo, con commenti, approfondimenti, opinioni sui fatti di attualità in Jesolo e qualche altra notizia" Il Diario di Jesolo - Il Blog " di Jesolo

La realtà quotidiana senza ipocrisie o casacche di partito
Il Blog di Jesolo
Libera informazione Indipendente
Il disastro della politica locale
Il business della sabbia
Vai ai contenuti

Menu principale:

26.06.2020 - Distruggere un territorio turistico a suon di condomini

Una città che cambia 2020
Distruggere un territorio turistico a suon di condomini

Nuove colombaie crescono

Jesolo 26 Giugno 2020
di ©Claudio Vianello
Una città che sta diventando un dormitorio dalle migliaia di appartamenti chiusi
Era la fine degli anni 90 e dai banchi della maggioranza del Consiglio Comunale di Jesolo, votavo contro sulle delibere per le nuove destinazioni d’uso in atto per alcuni alberghi che venivano cambiati da hotel ad appartamenti. Ricordo il mio voto contrario per gli hotel Costa Azzurra, il San Francisco e il Santa Lucia. Quest’ultimo poi, era uno dei pochi alberghi che si affacciava sulla via principale, via Silvio Trentin con un ampio e meraviglioso giardino, specialmente nelle sere d'estate.
 
Sono sempre stato dell’idea, che per far crescere di qualità Jesolo Lido, avevamo e abbiamo assolutamente bisogno di hotel a 5 stelle e più fronte mare, solo così si potrà portare un turismo di qualità, avere una turnazione della clientela e soprattutto allungare la stagionalità. Viceversa, in questi ultimi 20 anni, invece di costruire hotel si sono costruite delle alte strutture alveolari e si continua a farlo.
 
È deprimente veder costruire, in nome della modernità, questi manufatti fronte mare uno attaccato all’altro, tutti simili come un copia e incolla.

Queste gabbie rimarranno chiuse quasi tutto l’anno, fatta eccezione per qualche breve periodo in estate…
 
…Quest’ anno tutto d'un tratto scoppia il coronavirus, la crisi che non ti aspettavi. Pensavi di essere onnipotente? Tanto si è sempre detto, Jesolo lavora sempre!
 
Invece, purtroppo è arrivata la crisi del Covid-19, una guerra che sta colpendo tutte e indistintamente le partite IVA, chi più e chi meno. Questa stagione del 2020, per la prima volta ci dovrebbe far capire che le principali attività che hanno portato in passato, portano nel presente e porteranno in futuro turisti sul nostro litorale, quindi ricchezza, sono state, sono e saranno le attività ricettive alberghiere.
Ce ne accorgeremo in tempo? Spero proprio di sì!
 
Gli hotel danno una turnazione di turisti continua e costante, a differenza delle colombaie tanto di moda in questi ultimi 20 anni, fatte costruire da una classe politica locale incapace e ciarlatana.
 
Infatti lo si è visto già ora, ma credo di poter dire che lo si vedrà ancor di più in autunno, quando la stagione ahimè sarà conclusa. Quest’anno durante l’estate ci saranno dei grandi weekend-sabato con i pendolari e poi, durante il resto della settimana, solo vacche magre che creeranno non pochi problemi a tutto il litorale, specialmente verso settembre, quando tutto d’un tratto ci sarà lo switch off.
 
Ma come si fa a non capire che sul fronte mare si sarebbe dovuto prima e si dovrà in futuro, se ci sarà ancora spazio, pensare a costruire hotel a 5 stelle, così com’ era previsto nel Master Plan di Kenzo Tange.
 
Secondo il mio modesto parere è ancora l’unico futuro possibile che potrà sostenere e creare ancora ricchezza in città.
 
La vergogna più assoluta di questa politica locale è una sola, continuare a costruire scatole-vuote e aver dato la possibilità di spostare in seconda fila gli hotel a 5 stelle, privilegiando così la mera speculazione edilizia.
 
Non è vero come si dice, che questa edilizia porterà l’aumento della residenza stabile. Chi acquista spesso lo fa per avere la seconda casa al mare e per risparmiare sull’IVA, portando la residenza fittizia in città, senza poi viverla, viceversa i nostri figli sono costretti ad abdicare nei comuni limitrofi, dove le case costano molto meno.
 
Con i numeri la politica si sciacquerà la bocca. Abbiamo aumentato la residenza stabile…
 
Tanti bla bla e bla ancora, ma… Evviva le colombaie - gabbie  di Jesoeo, che hanno portato, stanno portando e porteranno  sempre più tristezza in città.

Correlati


Clicca sulla foto qui sottoper guardare le altre foto

L'hotel Tahiti fronte mare prima di essere segregato in seconda fila
Torna ai contenuti | Torna al menu