14.01.2021 - Nei prossimi anni la città sarà devastata da altre 3000 abitazioni - Il Blog di Jesolo

IlBlogdiJesolo
©ClaudioVianello
Vai ai contenuti
 
Nei prossimi anni la città sarà devastata da altre 3000 abitazioni
("Il Comune di Jesolo in questo momento ha quasi 3000 pratiche per l'utilizzo del piano casa") Dall'audizione della commissione antimafia del 21.10.2020

Questa immagine parla da sola, appartamenti vuoti e invenduti
Jesolo 14 Gennaio 2021
di ©Claudio Vianello
Tutto quanto fa spettacolo e la città s' impoverisce, le promesse elettorali

A Jesolo potremmo tirare le somme su quanto la politica locale abbia fatto in questi 42 mesi di governo in città o forse sarebbe meglio dire, quanto non è stato fatto per la città.
 
Una cosa è certa, il botto d’inizio anno a Jesolo c’è stato! L’assessore Otello Bergamo, il potente assessore all’edilizia privata fino a qualche mese fa, poi esautorato dell’incarico all'edilizia privata e rimasto all’urbanistica, si è dimesso. Non è poco!
 
Ma facciamo il punto, il lavoro per antonomasia che non piace e che ha stravolto la ridente cittadina balneare di Jesolo, è senza dubbio la ex-scuola elementare Giosuè Carducci, oggi giunta agli onori della cronaca per essere diventata un’abominevole colata di cemento che ha storpiato la zona di piazza Trieste con al piano terra un mega-supermercato…È ormai la vera vergogna cittadina.
 
Questo mandato il 2017-2022, doveva essere, secondo quanto sventolava nell’ultima campagna elettorale la banda dei corsari con il primo cittadino in testa, l’anno dello zero consumo del suolo e l’inizio dei lavori per la “Jesolo Magica” di Zaha Hadid e molto altro ancora.
 
Purtroppo, tra un viaggio e l’altro per lavoro a Dubai, negli anni prima del Covid-19, mi devo essere perso un passaggio. Certo è che a Jesoeo, a tutt’oggi, i lavori di Jesolo Magica sono fermi, anzi non sono mai iniziati. Purtroppo il cantiere è abbandonato a se stesso e fatiscente, sebbene un lotto sia stato stralciato dal progetto iniziale per far posto a … … un nuovo supermercato e a qualche altro capannone industriale.
 
Diciamo che a Jesolo, i supermercati non mancano, c’è ancora qualche marchio scoperto, ma sicuramente con questa amministrazione arriveranno.
 
Una cosa è confermata, Jesoeo è Magica per i milioni di metri cubi di calcestruzzo e le migliaia di loculi-colombaie che hanno costruito e che continuano a costruire, depauperando l’intero territorio jesolano, direi a tabula rasa.
 
Jesolo a misura d’uomo?  Una grande e immensa distesa di appartamenti vuoti, si parla di alcune migliaia, cose da far accapponare la pelle in qualsiasi altra città. In molti, “Quelli con le mani in pasta?”, lo chiamano “futuro e modernità”. Si, ma? Parliamo di quei condomini costruiti in zone residenziali, dove la casetta più alta era, fino a qualche mese fa a 2 piani e oggi sono diventate di sei se non sette piani.
 
La zona di Casabianca, qui c’erano le mitiche ville della Jesolo anni 60, quella ricca. Oggi è stato così semplice cancellarle come con un cancellino sulla lavagna, per far posto ancora a “chébe ( gabbie) per colombi” fronte mare e non, d’altronde il fronte mare a Jesoeo è appetibile, si vende fino a 10/12 mila euro al metro, tutta roba per ricchi? O in fondo c’è qualcos’altro che mi sfugge? È certo, così come stanno facendo, stanno spazzando via tutto quel popò di polmone verde per favorire la speculazione edilizia. Ricordo che a fianco di tutto questo business, c’è lo storico e lussuoso albergo Casa Bianca, relegato ormai in un angolino…A giocare a nascondino!
 
Tutto qua? È tutto quello che stanno facendo? Assolutamente no. “Si parla che nei prossimi anni vengano rilasciate altre 3000 (tremila) pratiche per l’utilizzo del piano casa…Omissis. Quindi Jesolo nei prossimi anni raddoppierebbe la cubatura attuale”, questo e molto altro ancora è stato detto il 21 ottobre 2020, in audizione, in commissione antimafia dai giornalisti Belloni e Dianese.
 
Jesolo è l’unica città balneare, che vive con le attività ricettivo-alberghiere e che cosa fanno questi al governo? Rilasciano una licenza edilizia spostando in seconda fila un hotel, roba da non credere ai propri occhi…Una città prettamente turistica, per facilitare lo speculatore e quindi la vendita di appartamenti, sposta un hotel, diventato oggi 5 stelle, in seconda fila.
 
Se poi scorriamo la memoria potremmo tirare in ballo il bocciodromo coperto, una struttura finalizzata a che cosa? Al gioco delle bocce a Jesolo! Follia pura, un esborso di denari pubblici per pochi intimi e per un ritorno elettorale? Qualche centinaio di voti pagati dalla collettività? Il bocciodromo jesolano era costato circa 800 mila euro e non era stato finito per poter essere utilizzato dalla collettività, se non per i pochi intimi della bocciofila cittadina. Per pranzi e cene? Oggi altri denari si vanno a spendere, circa 150 mila euro, per riconvertirlo a palazzetto dello sport, tanto i denari non sono loro.
 
Dulcis in fundo, per chi non lo ha mai fatto in questi anni, dovrebbe farsi un giro lungo la spiaggia della Pineta e vedere com’è stata ridotta, ogni anno si spendono milioni per il suo ripascimento, senza che fino ad oggi sia stata trovata una soluzione definitiva.
 
Chiaramente anche qua da non dimenticare la devastazione del verde comune e l’aumento del cemento.
 
 
E adesso per finire, buttiamola pure in vacca, tanto la linea del surreale non è finita… La linea diretta Jesolo-Venezia via mare, la rambla di piazza Mazzini e quella della Pineta fronte Merville, che fine hanno fatto? Tutto questo può bastare? Per una città che avrebbe dovuto essere “una città a misura d’uomo” proiettata alla turnazione del turista.
 
Succede sempre così, promesse elettorali per accalappiare consensi e tanti bla, bla e bla ancora. L’unica a rimetterci purtroppo è la città che non cresce da 20 anni in residenza stabile, anzi i nostri figli sono costretti a trasferirsi in comuni limitrofi. Vivi Jesoeo tutto l’anno, con l’acca?
 
Poi leggi che il Comune di Jesolo è pronto a spendere 14 milioni di €uro per una nuova piscina…Qualcuno ricorderà che non aveva 5 milioni di euro per costruire il museo alla scuola Carducci, poi venduta per un paio di milioni di sporchi euro.
 
In molti continuiamo a domandarci dove vogliono arrivare questi politici jesolani al comando della città: Forza Italia, Forza Jesolo (uno) e il Partito Democratico.
 
In poche parole un’accozzaglia di personaggetti, che cosa mai li terrà incollati? Staremo a vedere nei prossimi anni chi sarà colui che avrà visto lontano.

Correlati

 
 
 

21.10.2020 - Prima le persone - Commissione Antimafia
audizione dei giornalisti Belloni e Dainese sulla mafia del litorale
Created by ©Claudio Vianello 2021
Torna ai contenuti