contatore visite free

8.1.2020 - Le piazze cittadine, un baluardo che resiste dal 1959, piazza Trieste - I documenti di Jesolo, Claudio Vianello che ti documenta senza ipocrisie. Ti tiene quotidianamente aggiornato sulla vita politica e non di Jesolo, con commenti, approfondimenti, opinioni sui fatti di attualità in Jesolo e qualche altra notizia" Il Diario di Jesolo - Il Blog " di Jesolo

La realtà quotidiana senza ipocrisie o casacche di partito
Il Blog di Jesolo
Libera informazione Indipendente
Quando la politica latita in città
Vai ai contenuti

Menu principale:

8.1.2020 - Le piazze cittadine, un baluardo che resiste dal 1959, piazza Trieste

Una città che cambia 2020
Il primo di questo 2020

Le piazze cittadine, un baluardo che resiste dal 1959

Jesolo  8 Gennaio 2020
di ©Claudio Vianello
Per avere qualcosa nella tua zona, devi avere un referente politico in Consiglio Comunale? Non basta!
Erano gli anni sessanta, gli anni del boom economico , Jesoeo era meta dei ricchi, Ferrari, Lamborghini, Maserati, Mercedes ect., le vedevi sfilare in via Bafile  e ti stropicciavi gli occhi, poi ancora, bellissime ville frontemare, piazze nuove e tanti nuovi alberghi, la città stava crescendo. Oggi a Jesolo, viceversa ci sono  tanti speculatori, verticalismi,  tanti appartamenti nuovi e vuoti, l'importante  è avere soldi da investire e soprattutto avere nelle proprie grazie il politico locale che conta sulla piazza. Con oggi, inizio a documentare la situazione di tutte le piazze jesolane, voglio iniziare con piazza Trieste.  Secondo il mio modesto parere, una piazza centralissima e messa veramente molto male. Negli anni 90 un Sindaco, Renato Martin, avrebbe voluto fare della piazza un'opera importante per la città e soprattutto renderla una piazza moderna e nuova. Purtroppo non ne fece nulla e gli anni continuarono a passare, passarono anche diversi politici della zona che contavano, niente, piazza Trieste è ancora quella degli anni sessanta. Piazza Trieste è la piazza della chiesa,  quella della parrocchia Santa Maria Ausiliatrice e si trova in uno stato comatoso. L'attuale amministrazione che fa? Interviene periodicamente piazzando taconi su taconi, l'ultimo in ordine di tempo pochi giorni fa. Nessuno che muova un sasso per rendere la piazza, moderna e si che nella zona stanno crescendo tanti nuovi grandi palazzoni. Forse tra qualche giorno cambierà nome: piazza Tacconi, non l'ex portiere della Juventus, Stefano Tacconi, ma una vera piazza fatta di interventi a tacconi, senza una vera logica di piazza moderna.


Anni sessanta
Torna ai contenuti | Torna al menu