contatore visite free

oltre - i documenti di Jesolo - I documenti di Jesolo, Claudio Vianello che ti documenta senza ipocrisie. Ti tiene quotidianamente aggiornato sulla vita politica e non di Jesolo, con commenti, approfondimenti, opinioni sui fatti di attualità in Jesolo e qualche altra notizia" Il Diario di Jesolo - Il Blog " di Jesolo

La realtà quotidiana senza ipocrisie o casacche di partito
Il Blog di Jesolo
Libera informazione Indipendente
Il disastro della politica locale
Il business della sabbia
Vai ai contenuti

Menu principale:

26.10.2017 - Aumenti oltre il 400%, sulla nuova bolletta del Consorzio Bonifica Veneto Orientale

I documenti di Jesolo, Claudio Vianello che ti documenta senza ipocrisie. Ti tiene quotidianamente aggiornato sulla vita politica e non di Jesolo, con commenti, approfondimenti, opinioni sui fatti di attualità in Jesolo e qualche altra notizia" Il Diario di Jesolo - Il Blog " di Jesolo
Pubblicato da in POLITICA ITALIANA ·
Tags: 26.10.2017Aumentioltreil400%sullanuovabollettadelConsorzioBonificaVenetoOrientale

Basta Tasse - Roma Ladrona ect. questi gli slogan della Lega Nord e poi.....
Consorzio di Bonifica Veneto Orientale


Aumenti del 400% e oltre nel Veneto


Jesolo 26 Ottobre 2017
di Claudio Vianello©

È sempre così piacevole e bello, in Italia pagare per il nulla. Tanto poi, con l’avvento dei politici che sian di destra o di sinistra le cose non cambiano mai.
Vi ricordate il passaggio dal terrestre al digitale per la televisione, quante promesse, ti raccontavano che il segnale sarebbe stato perfetto. Poi, passati i governi di destra e di sinistra con l’avvento del demoscristiano " el sior rensi", lui ha deciso , il canone televisivo va pagato in bolletta elettrica.
Quindi oggi lo dovrebbero pagar tutti anche a Jesolo. Però a Jesolo, non si vede più nulla con l’avvento del digitale poco, male e non tutti i giorni.
Fatta questa premessa su come funziona questa italia. Come funziona questo Veneto? In questi giorni ci stanno recapitando le bollette del Consorzio di Bonifica Veneto Orientale e come sempre le tasse non aumentano a parole, ma c’è sempre un ma, anche nel Veneto del governator Luca Zaia, le tariffe aumentano eccome se aumentano!
Qualcuno se ne sarà accorto, l’aumento è stato deciso e non di poco, si arriva anche ad un aumento del 400% in più rispetto agli anni precedenti.
Poi telefoni al 0421-596688, ufficio competente di San Donà per chiedere informazioni e ti rispondono che le tariffe sono state aumentate perché così le strade non si allagano più.
Diciamocelo, le tariffe sono state approvate dalla Regione Veneto, si proprio quella di Luca Zaia e dalla sua maggioranza  con delibera di Giunta n.1563 del 03.10.2017.
Con la nuova bolletta-balzello, ti allegano pure una lettera che ti raccontano come sempre in questo Paese, com' è andata la storia dell'aumento delle tariffe.
"Il Consorzio di Bonifica Veneto Orientale da quest'anno si è dotato di un nuovo Piano di Classifica per il riparto dei contributi. Il nuovo Piano è stato redatto in applicazione a quanto disposto dalle leggi in materia (T.U. n. 215/1933 e L.R.12/2009 e s.m.i.), è stato adottato dall'Assembvlea consortile il 22.12.2016 (n.12/A-16) ed approvato dalla Regione Veneto con delibera di Giunta n. 1563 del 03.102017 ( Omissis )

Eccolo il risultato, ve li ricordati gli stralli della Lega Nord e del Basta-Tasse a Roma! Roma Ladrona ect……
Vergogna, vergogna e vergogna ancora……. Paga Nane Pantaeon e tasi!







Sono oltre 10mila, infatti, i fallimenti registrati nei primi 9 mesi dell’anno, il 19% in più rispetto al dato – già elevato – dell’analogo periodo del 2013

I documenti di Jesolo, Claudio Vianello che ti documenta senza ipocrisie. Ti tiene quotidianamente aggiornato sulla vita politica e non di Jesolo, con commenti, approfondimenti, opinioni sui fatti di attualità in Jesolo e qualche altra notizia" Il Diario di Jesolo - Il Blog " di Jesolo
Pubblicato da in IMPRENDITORIA ·
Tags: Sonooltre10milainfattiifallimentiregistratineiprimi9mesidell’annoil19%inpiùrispettoaldatogiàelevatodell’analogoperiododel2013

La settimana scorsa, l'Unioncamere " Unione delle camere di commercio Italiane" ha dato i numeri


Sono oltre 10mila, infatti, i fallimenti registrati nei primi 9 mesi dell’anno, il 19% in più rispetto al dato – già elevato – dell’analogo periodo del 2013. Sul fronte artigianato, per il terzo trimestre consecutivo si registra un saldo negativo tra aperture e chiusure, dovuto soprattutto alla forte riduzione di iscrizioni (record negativo del decennio e oltre 1.000 unità in meno rispetto a quelle, già modeste, registrate nellostesso periodo del 2013).
Questi sono i dati che unioncamere ha comunicato lo scorso 27 Ottobre. Non c'è per niente da stare allegri, questi dati saranno destinati a peggiorare  entro la fine del 2014.

Questo è quanto ha sostenuto il presidente di UnionCamere Ferruccio Dardanello:

“I dati provenienti dal Registro delle imprese indicano il persistere di una fase di stagnazione che sta colpendo il nostro sistema produttivo frenando la spinta a fare impresa e facendo aumentare le attività economiche che portano i libri in Tribunale”, evidenzia il presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello. “Il tema chiave, per dare nuove gambe allo sviluppo, è creare le condizioni per far ripartire il mercato interno, dal cui rallentamento dipendono le sorti di tante nostre imprese, e sostenere il coraggio e le aspirazioni di tante persone, soprattutto giovani, che vorrebbero mettersi in proprio.
Per questo, occorre puntare con decisione sulle politiche attive per il lavoro, per far sì che le energie imprenditoriali del Paese possano tradursi in nuove iniziative economiche: un ambito nel quale le Camere di commercio sono particolarmente impegnate, anche attraverso un Network di 87 Sportelli per il sostegno all’imprenditorialità giovanile su tutto il territorio nazionale. In poco più di 5 mesi dal loro battesimo, abbiamo già accolto quasi 4.700 giovani motivati ad aprire una nuova impresa, assicurando loro percorsi mirati di accompagnamento allo start-up”.

Leggi il comunicato integrale


Secondo il mio modesto parere, credo che, da qui a qualche anno, la maggior parte delle imprese motivate dagli incentivi delle start-up, saranno destinate alla chiusura perchè incapaci di creare reddito. D'altronde il "Paese Italia" tassa in un modo forsennato qualsiasi tipo di attività imprenditoriale, ergo non c'è più la volontà da parte delle micro imprese in Italia, di fare impresa.
Chi vuol fare impresa è costretto e/o sarà costretto a emigrare spostando la propria attività in un Paese, dove la tassazione è inferiore rispetto all'Italia.


EVVIVA , LA LUCE!!




Jesolo - Alla riscoperta del gioco delle bocce a Jesolo. Il comune spende oltre 600 mila euro, per il suo nuovo bocciodromo coperto

I documenti di Jesolo, Claudio Vianello che ti documenta senza ipocrisie. Ti tiene quotidianamente aggiornato sulla vita politica e non di Jesolo, con commenti, approfondimenti, opinioni sui fatti di attualità in Jesolo e qualche altra notizia" Il Diario di Jesolo - Il Blog " di Jesolo
Pubblicato da in Opere pubblice sul territorio ·
Tags: JesoloAllariscopertadelgiocodellebocceaJesolo.Ilcomunespendeoltre600milaeuroperilsuonuovobocciodromocoperto

ALLA RISCOPERTA DEL GIOCO DELLE BOCCE
Jesolo, una città di mare. Il Comune spende fino ad oggi per costruire un bocciodromo nuovo fiammante, un sacco di soldi.
Fino ad oggi già spesi oltre 600 mila Euro
E la città avrà il suo nuovo bocciodromo coperto comunale, un bel investimento


"Il nuovo bocciodromo comunale coperto" di Jesolo
Definizione e significato - Bocciodromo: Impianto sportivo con più campi per il gioco delle bocce.
Dalla rubrica " Venghino, Signori Venghino "


Jesolo 21 Settembre 2014
di Claudio Vianello Venti14©

…E non vorrei essere monotono, ma giorno dopo giorno Jesolo è una scoperta continua. Lo sapevate che a Jesolo ci sono bocciodromi un po’ dappertutto?
Ma il bello è che sembrano abbandonati. E perciò mi viene naturale domandarmi, ma a che cosa servirà quello coperto in fase di costruzione e in consegna alla città?
Sarà bello per chi vivrà e potrà vedere il suo utilizzo finale, magari la prossima estate con i mondiali di bocce in Ca’ Pirami? In mezzo al verde! Non è vero, è solo una mia boutade. Ma mi veniva facile dirlo, con un palazzetto delle bocce che sa tanto da palazzetto del ghiaccio.
Che possa avere degli utili, il bocciodromo, quello nuovo moderno e coperto?

(..) continua a leggere, guarda in esclusiva  le immagini e il filmato dei bocciodromi jesolani





Torna ai contenuti | Torna al menu