contatore visite free

30.07.2020 - L'ipocrisia delle istituzioni sempre e comunque addosso ai soliti noti - i documenti di Jesolo - I documenti di Jesolo, Claudio Vianello che ti documenta senza ipocrisie. Ti tiene quotidianamente aggiornato sulla vita politica e non di Jesolo, con commenti, approfondimenti, opinioni sui fatti di attualità in Jesolo e qualche altra notizia" Il Diario di Jesolo - Il Blog " di Jesolo

La realtà quotidiana senza ipocrisie o casacche di partito
Il Blog di Jesolo
Libera informazione Indipendente
Il disastro della politica locale
Il business della sabbia
Vai ai contenuti

Menu principale:

30.07.2020 - L'ipocrisia delle istituzioni sempre e comunque addosso ai soliti noti

I documenti di Jesolo, Claudio Vianello che ti documenta senza ipocrisie. Ti tiene quotidianamente aggiornato sulla vita politica e non di Jesolo, con commenti, approfondimenti, opinioni sui fatti di attualità in Jesolo e qualche altra notizia" Il Diario di Jesolo - Il Blog " di Jesolo
Pubblicato da in POLITICA ITALIANA ·
Tags: 30.07.2020L'ipocrisiadelleistituzionisempreecomunqueaddossoaisolitinoti
Jesolo, 5 e quarantotto del mattino

Un esempio di questa estate in spiaggia

Jesolo 30 Luglio 2020
di ©Claudio Vianello
L'ipocrisia delle istituzioni sempre e comunque addosso ai soliti noti, ovvero a quelli che lavorano

Intervengo sulla situazione delle discoteche di Jesolo, in questo momento oggetto del contendere tra ipocrisie istituzionali e falsità generalizzate sugli assembramenti. Devo dire che,  da quando si è aperta questa stagione estiva 2020, a Jesolo si è visto di tutto e di più.
L’unica cosa che non si è ancora vista, è un focolaio dovuto agli assembramenti dei giovani, cosa che reputo molto remota. Mi spiego meglio: da aprile di quest'anno, con la fase tre, la spiaggia di Jesolo è stata presa d’assalto dai giovani in tutti i fine settimana. Delle distanze, così chiamate dal politico di turno, di sicurezza nemmeno l’ombra. Una cosa è certa,  tutti i casi che si sono avuti a Jesolo di positività al Covid-19 questa estate,  sono il 99% tutti d’importazione. È certo che di assembramenti in spiaggia e un po' dappertutto ne abbiamo visti.
Poi in una notte di fine luglio,  la discoteca il Muretto decide di aprire tra mille attenzioni poste alla sicurezza da parte della proprietà, presente all'apertura c’è addirittura il Sindaco di Jesolo Valerio Zoggia, che vuole vedere di persona. Poi, accade che verso mattina esattamente quello che accade in spiaggia tutti i giorni e notti, succede che i giovani si incontrano nel divertimento collettivo ed è chiaro che non può essere altrimenti, un’ estate senza divertimento che estate è.
E qui ci voleva la discoteca il Muretto, d'altronde in questo paese (p), tra la gente comune ci vuole sempre un capro espiatorio, le istituzioni ci godono e non aspettano di meglio, così per non aver ottemperato alle regole impartite da Conte Casalino & Associated con i vari DCPM, la discoteca incorre in una sanzione di 400 euro e alla chiusura.
N.d.c. i gestori del Muretto comunque avevano già deciso di richiuderla. #robadamatti
Dico solo la mia, visto che tutte le notti fino alla mattina, in spiaggia ci sono assembramenti tra i giovani, cosa facciamo andiamo a sanzionare i consorzi? E ancora, come si fa a vedere solo il proprio naso e non vedere le cose come stanno, cioè vogliamo dare l’ultima mazzata al turismo dei giovani e a tutta la spiaggia di Jesolo?
Poi non ci dobbiamo lamentare se i giovani si sfogano in spiaggia dove vige l’anarchia più totale, tra spacciatori, delinquenza comune e soprattutto non esiste il controllo del territorio, controllo che dovrebbe essere garantito dalle istituzioni attraverso i Prefetti.
Tutto qua…
Vergogna vergogna e vergogna ancora.


Questa mattina al mare




Torna ai contenuti | Torna al menu