contatore visite free

22.02.2018 - Tre giorni tra vento di bora e burrasca - Il blog di Jesolo, il blog di Claudio Vianello che ti documenta senza ipocrisie. Ti tiene quotidianamente aggiornato sulla vita politica e non di Jesolo, con commenti, approfondimenti, opinioni sui fatti di attualità in Jesolo e qualche altra notizia" Il Diario di Jesolo - Il Blog " di Jesolo

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

22.02.2018 - Tre giorni tra vento di bora e burrasca

2018

Tante chiacchiere per poi ritrovarsi al punto di partenza
Son bastati

Questa la situazione nelle solite zone note di Jesolo, dopo tre giorni di burrasca



Jesolo 22 Febbraio 2018
di Claudio Vianello©

Tre giorni tra vento di bora e mareggiate

La favola di Esopo

Al Lupo! Al Lupo! versione greco Esopo. Ποιμὴν ἐξελαύνων αὐτοῦ τὴν ποίμνην ἀπό τινος κώμης πορρωτέρω διετέλει τοιαύτῃ παιδιᾷ χρώμενος. ἐπιβοώμενος γὰρ τοὺς κωμήτας ἐπὶ βοήθειαν ἔλεγεν, ὡς λύκοι τοῖς πρόβασιν ἐπῆλθον. δὶς δὲ καὶ τρὶς τῶν ἐκ τῆς κώμης ἐκπλαγέντων καὶ ἐκπηδησάντων, εἶτα μετὰ ...
Quante volte abbiamo sentito dar aria alla bocca al politico di turno, proprio sulla salvaguardia dall'erosione del mare alla nostra costa. Mai come quest'anno nelle zone centrali del Lido di Jesolo si  è vista tanta sabbia dorata depositata dalle onde del mare, durante le burrasche. È anche vero che quest'anno " si son dimenticati delle dune", quelle schifezze che si ergevano in difesa dalle burrasche, a loro dire.
Ogni volta che documento una mareggiata che si abbatte sulle nostre coste, riecheggia dal mare il suono della fiaba di Esopo: al lupo, al lupo........ in attesa degli allarmi scagliati in mare dal politico di turno. E oggi sono ancora qua a raccontarvi  la storia di una costa erosa......

Questo viceversa ci raccontava il Sindaco di Jesolo, a Novembre, dalle pagine de "La Nuova Venezia". Era il 20 Novembre del 2017..... solamente pochi mesi fa, e......
«Si tratta di lavori», spiega Zoggia, «che riguardano il ripristino dei vecchi pontili nella zona est del lido, quindi verso la Pineta. In tutto quattro pennelli in roccia per un milione e 500 mila euro di stanziamenti della Regione. I lavori, relativamente veloci in quanto si tratta di ricreare pontili che esistevano già un tempo, dovevano iniziare a ottobre, ma per qualche ragione a noi sconosciuta la Regione non ha ancora dato il via libera ai cantieri. Le forze di opposizione dovrebbero cercare lì le responsabilità dei ritardi e non accusare il Comune».

Questa è solo la prima parte di un intervento molto più ampio che ieri è stato chiarito in occasione della riunione dei capigruppo consiliari. La seconda parte difficilmente vedrà la luce prima del 2019. «Sono previsti altri sei pontili», spiega Zoggia, «e ci vorrà l’approvazione della Sovrintendenza e poi la Via, valutazione di impatto ambientale. Ma ci sono accordi precisi con i tecnici per cercare di abbreviare i tempi tra Sovrintendenza e Via».

I sei pontili finali, a completamento di tutto l’intervento previsto al lido est, non saranno con tutta probabilità pronti per la prossima stagione estiva, a differenza dei primi quattro pontili in roccia. Anticipare i lavori, anche per motivi burocratici, sarà quasi impossibile. Tra i restanti sei, uno, proprio davanti al grattacielo Merville, ospiterà anche un pubblico esercizio, piccolo bar o chiosco, alla sua estremità. Sarà una infrastruttura moderna e gradevole che rientra negli accordi con i privati legati al beneficio pubblico del Merville dopo che non è stato realizzato il megapontile di 200 metri sul mare.


Tutti i sei pennelli saranno in ogni caso di concezione moderna, con la possibilità di ospitare una passeggiata sul mare e dei punti in cui prendere il sole.
(da La Nuova Venezia)


Queste le immagini della nostra costa spazzata in questi ultimi tre giorni dalla bora e dalla burrasca....

Queste le  foto delle ultime due burrasche jesolane

 
Torna ai contenuti | Torna al menu