Le ultime della riforma dei Prof.la Fornero - Il blog di Jesolo, il blog di Claudio Vianello che ti documenta senza ipocrisie. Ti tiene quotidianamente aggiornato sulla vita politica e non di Jesolo, con commenti, approfondimenti, opinioni sui fatti di attualità in Jesolo e qualche altra notizia" Il Diario di Jesolo - Il Blog " di Jesolo

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Le ultime della riforma dei Prof.la Fornero

Leggi e Norme



Queste sono le ultime in ordine di tempo della riforma della Prof. Fornero.


ECCOLE LE NOVITA' DELLA RIFORMA FORNERO !
AUMENTANO ANCORA I CONTRIBUTI SULLE BUSTE PAGHE E NEL CASO DI LICENZIAMENTI.
La riforma degli ammortizzatori sociali, appena entrata in vigore, comporta un maggior costo per i datori di lavoro. Il
primo appuntamento alla cassa è il 16 febbraio prossimo per il versamento dei contributi Inps sugli stipendi di gennaio.
Contributi ordinari
Estensione generalizzata degli ammortizzatori sociali a tutti i datori di lavoro (aliquota 1,61%) compresi anche i
contratti di apprendistato. Si applicano anche ai datori di lavoro precedentemente esclusi, laddove i lavoratori non
avevano tutele contro la disoccupazione involontaria.
Contratto a termine
Si applica ai rapporti di lavoro non a tempo indeterminato, esclusi i lavoratori stagionali, un’aliquota del 1,40%. A titolo
di esempio un contratto a termine di 12 mesi con uno stipendio mensile di € 2.000,00 nel commercio comporta un
aumento di costo annuo di € 329,00.
Licenziamenti
Contributo dovuto per le cause diverse dalle dimissioni, indipendentemente dal requisito contributivo Aspi; anche per
l’interruzione del rapporto al termine del periodo formativo nel contratto di apprendistato ("mancata qualificazione"). Il
contributo è dovuto anche per le risoluzioni consensuali nell’ambito della procedura ex art. 7 della legge 604/1966. Il
contributo nel caso di licenziamento di un lavoratore con anzianità aziendale di 3 anni si concreta in € 1.376,76.
Co.co.pro.
E’ aumentata l’aliquota Inps dovuta alla gestione separata: + 2% fino ad un massimo di € 1.922,98 in caso di
applicazione del massimale di € 96.149,00.
Meno incentivi
Nel 2013 i lavoratori licenziati per giustificato motivo oggettivo da aziende con meno di 15 dipendenti non potranno più
iscriversi alle liste di mobilità e i datori di lavoro che li rioccupano non avranno più accesso alle agevolazioni che si
concretano, a titolo di esempio, per un operaio dell’industria con un lordo annuale di € 25.000,00 in un mancato
sgravio per assunzione a tempo determinato di 12 mesi pari a € 7.817,50.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu