contatore visite free

8.6.2019 - Là dove c'era il verde e la nostra cultura - I documenti di Jesolo, Claudio Vianello che ti documenta senza ipocrisie. Ti tiene quotidianamente aggiornato sulla vita politica e non di Jesolo, con commenti, approfondimenti, opinioni sui fatti di attualità in Jesolo e qualche altra notizia" Il Diario di Jesolo - Il Blog " di Jesolo

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

2019 > Il confronto tra il vecchio e il nuovo 2019
Là dove c'era il verde e la nostra cultura

Intervenire sul vecchio per riqualificare
8 Giugno 2019
di ©Claudio Vianello
La scuola Giosuè Carducci, una colata di cemento inutile alla qualificazione o riqualificazione della città in senso profondo
 
A una città per la massa e poco alla ricerca di una nuova tipologia di clientela, non bastano gli hotels a 5 stelle super lusso se poi non gli dai qualcosa di più…. La cultura e la storia……….Lo devi coccolare e invogliare a venire…..
Ed eccomi qua oggi 8 giugno 2019 a riparlare di quanto accade in questa parte di città.
È inutile parlarne oggi qualcuno dirà, il problema però è uno solo: ha vinto per l’ennesima volta lo scempio ai danni della intera città. Posso dire che una colata così di calcestruzzo non l’avevano immaginata.
Sarò anche ripetitivo e non mi stancherò di dirlo e ridirlo: quando accettai la candidatura con Jesolo 365 nel lontano 2012, lo feci esclusivamente proprio per questo, creare un polo museale alle ex-scuole Carducci, lungi da me la politica di sinistra con la loro pseudo-cultura a parole.
Purtroppo lo so che la gente comune si accorge delle brutture in città solo quando è direttamente interessata, specialmente in una località prettamente turistico-alberghiera come lo è Jesoeo.
Tutti a lavorare per aumentare i loro conti in banca, per poi sentirli criticare quando tutto è già fatto e depauperato…Allora bisogna correre ai ripari.
Ma il bello è, che come sempre, c’è lo scarica barile tra i politici al comando e non, del Comune. È stato lui, non siamo stati noi, se andremo noi al governo non sarà così. Dulcis in fundo……. L’unica entità che realmente ci rimetterà: è la città e soprattutto i cittadini di Jesoeo e i nuovi turisti, non quelli di oggi, di massa. Probabilmente quelli che non cercano solo sole e mare, ma sono alla ricerca di un mix di turismo e cultura.
Il complesso della Giosuè Carducci con quel grande giardino, polmone di verde in città con dei parcheggi a due passi dalla principale via Bafile era e sarebbe stato il massimo per un complesso museale.
Invece oggi: una spettacolare e unica colata calcestruzzo con l’eliminazione del bene comune.
Devo dire che il cambio merce è riuscito benissimo, hanno ghettizzato il museo o pseudo tale, in costruzione in mezzo ai capannoni industriali commerciali e vicino al Mc Donalds, si proprio in una concentrazione di cultura moderna…. Il nulla per una classe politica inutile e forse finalizzata ad altri scopi…..
Poi, poi e poi ancora, li continuerai a sentire, quelli dai banchi delle opposizioni: quando saremo noi al governo cambieremo il business…. Ecco questo è Jesoeo…… Fine prima parte

Correlati

Jesolo 8 giugno 2019 - Là dove c'era l'erba e la nostra cultura  
La storia ha lasciato lo spazio alla mera speculazione edilizia


 
Torna ai contenuti | Torna al menu