10.07.2014 Cani da passeggio, guinzaglio e museruola - Il blog di Jesolo, il blog di Claudio Vianello che ti documenta senza ipocrisie. Ti tiene quotidianamente aggiornato sulla vita politica e non di Jesolo, con commenti, approfondimenti, opinioni sui fatti di attualità in Jesolo e qualche altra notizia" Il Diario di Jesolo - Il Blog " di Jesolo

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

10.07.2014 Cani da passeggio, guinzaglio e museruola

Rubrica a TuttoTondo > Venti14 TuttoTondo

Jesolo 10 Luglio 2014


" Senza Peli, sulla lingua" di Claudio Vianello

Un'immagine di un cane in spiaggia tra i bambini, e il luogo del mancato dramma

Quanto vale la vita di un bambino di soli 9 anni? Un pugno di Euro ?
Cani da passeggio, guinzaglio e museruola: quali sono gli obblighi di legge?
Il buon senso deve sempre rappresentare la prima regola fondamentale, ma il padrone del cane sosterrà sempre che il suo cane è buono!

di Claudio Vianello Venti14©
Secondo quanto prevede la legge e, come ha ribadito anche un’Ordinanza del ministero della Salute, la 209 del 6 Settembre 2013 "Tutela dell’incolumità  pubblica dall’aggressione di cani",  è obbligatorio applicare la museruola o il guinzaglio ai cani quando si trovano nelle vie o in altro luogo aperto al pubblico.

Nel 2013 viene abolita di fatto la Black List delle razze di cani pericolosi, ma vengono previste anche  alcune importanti prescrizioni rivolte ai detentori di cani. La Gazzetta Ufficiale ha pubblicato un’ordinanza del Ministero della Salute che impone alcuni obblighi, a partire dal 7 settembre 2013:
1) il guinzaglio dovrà sempre essere utilizzato nelle aree urbane e nei luoghi aperti al pubblico, fatte salve le aree per cani. Il guinzaglio non potrà essere più lungo di un metro e mezzo;
2) la museruola va sempre portata con sé;
3) è obbligatorio raccogliere le feci. Il proprietario del cane o chi lo detiene a qualsiasi titolo sarà responsabile penalmente e civilmente dei danni provocati dall’animale.

Questa la premessa, perchè, qualche giorno fa a Jesolo si è rischiato il dramma

Un cane lupo tenta di sbranare un bambino a passeggio con un amico del padre.

Con l’arrivo dell’estate, le persone che, approfittano del lungomare jesolano per portare a spasso i loro amici sono sempre di più.
Parlare poi di cani con queste persone è molto difficile, perché chi ce l’ ha, lo difende a spada tratta, dicendoti che non ha mai fatto del male a nessuno. Chi, dall’altra parte, un cane non ce l’ ha, non ne può più di eiezioni non raccolte dai propri padroni, cani che urinano dappertutto e soprattutto quest’anno, in spiaggia a Jesolo, ce n’è una marea di  cani portati  in spiaggia e nessuno fa niente per disincentivare i loro padroni a portarli in spiaggia, visto che poi questa si riempirà di persone e bambini che giocheranno con la sabbia.
Vorrei porre una domanda a chi mi legge: " I padroni di queste bestiole, perché non li accudiscono e se li tengono stretti a casa loro, se sono tanto bravi e buoni?"
Scusate ma i cani in spiaggia liberi, non li voglio!!!
Perché viene a mancare il rispetto per gli altri? Credo che l’uomo non sia un cane e il cane  comunque, rimane un animale, quindi soggetto ad istinti e pulsioni improvvise, che sfuggono alla logica umana. La cronaca ci racconta molto spesso di episodi, dove i cani azzannano l’uomo causando traumi psicologici e lesioni gravi e/o gravissime!
Quindi, se avete dei cani e li amate, rispettate almeno gli uomini.
L'altro giorno a Jesolo Pineta un papà, lo chiamiamo con un nome inventato, Luciano, decide di uscire all’imbrunire dopo una giornata passata in spiaggia, per portare sua figlia e il figlio di un suo amico che chiameremo Matteo, a prendere un gelato…
…ma arrivato in prossimità di una via di Jesolo in pineta, per l’esattezza via Don Bosco, si accorge che un cane lupo, di grosse dimensioni, strattona la propria padrona, e si libera dal guinzaglio facendola cadere.Il dramma sfiorato aveva ancora da compiersi, questo cane lupo, una volta liberatosi, punta direttamente su Matteo di soli nove anni, se ne accorge Luciano che si para davanti per bloccare il cagnone e salvare il bimbo, ma la stazza del cane è talmente grossa che fa cadere l’adulto che non riesce a bloccare la corsa.  I due bambini accortisi della scena cominciano a urlare di paura e a piangere , ma  purtroppo il cane lupo azzanna Matteo, di statura esile e comincia ad  infierisce sul corpicino azzannandolo più volte  e facendo strage della schiena, affondando i denti  sulla carne, creando strappi e lesioni tali che, solo a vederle in fotografia, fanno paura.
Per una serie di cause fortunate, tra virgolette, quella sera Matteo  aveva  sulle spalle una felpa e non una canottiera come spesso accade ai bambini e questa ha un pochino attutito i morsi.
Tra urla e pianti, senza preoccuparsi di cosa andava incontro Luciano, strappa il bimbo dalle fauci e afferra  la bestia per il collo.  Probabilmente in questi casi anche un po’ di fortuna e la rabbia ti fa diventare più forte di quello che sei e Luciano riesce a togliere il cane che era quasi arrivato a addentare il collo di Matteo,  privo di qualsiasi timore, beccandosi pure un bel morso e finendo a terra, ma portando con sè il lupo.
Per fortuna Matteo è salvo,  bastava solo qualche centimetro più  su e forse sarebbe stato un altro dramma a Jesolo.
Alla fine corrono al  pronto soccorso di Jesolo, dove Matteo viene medicato con l’applicazione di 5 punti di sutura sul buco fatto dalle fauci del’ animale.
Luciano invece, per difendere Matteo cadendo, *si è lussato la spalla e ha riportato la distorsione  del ginocchio e  mercoledì prossimo si sottoporrà ad una risonanza magnetica, e solo più tardi si accorgerà del morso che ha ricevuto anche lui sull’avambraccio dal cane lupo.
Hanno chiamato i carabinieri  e di conseguenza hanno sporto anche la denuncia, ed al padre di Matteo non è rimasto che affidarsi al suo legale di fiducia per  le conseguenze anche psicologiche riportate da Matteo, conseguenze traumatiche che non saranno semplici e che, forse, si porterà dietro per sempre…
Una volta avvertito, il padre è volato a trovare il figlio, e andando dal padrone del cane, gli ha chiesto delucidazioni sul fatto, il quale gli ha risposto che son cose che possono succedere e che, in fondo, è andata bene, perchè il bimbo è stato solo graffiato.
Vogliamo intervenire signor Sindaco di Jesolo, perché fatti del genere non abbiano più da accadere, ma mi sembra forse solo retorica. Perché tra qualche giorno saremmo punto e a capo.

* correzione fatta oggi 11 Luglio ore 15.28

Altri servizi correlati sull'argomento a Jesolo
La (S)Cacchiera di Jesolo, in spiaggia
Le deiezioni canine in spiaggia

RISPETTO A PRIMA, DOPO L'EMANAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE N.17  NON È CAMBIATO NULLA.
I CANI NON POSSONO ENTRARE DAPPERTUTTO, BASTA UN CARTELLO DI DIVIETO.

Perchè Jesolo non ha un regolamento con le sanzioni da applicare a chi non ottempra all'Ordinanza del Ministero della Salute ?
Cani sulle spiagge venete? Solo se i gestori o i Comuni non lo vietano
La legge della regione Veneto cosa dice: no.17 del 19 Giugno 2014
Cosa prevede il Regolamento di Polizia Urbana di Jesolo

Alcuni regolamenti di alcuni comuni Italiani, quello di Trevisio
Cosa dice l'Ordinanza del Ministero della Salute la 209/09/2013
Quali sono le sanzioni, il comportamento e la responsabilità dei padroni dei cani, a piedi, in bicicletta, in moto e in autovettura


 
Torna ai contenuti | Torna al menu